Venerdì 24 maggio 2019, ore 10:07

Quotidiano di informazione socio‑economica

Infrastrutture

Costruzioni. Parola d’ordine: aprire i cantieri

di Sara Martano

Un tunnel di tela nero che rappresenta il progetto della Torino-Lione con la scritta “oggi lavoratori tutti a casa”, lo striscione degli operai del Terzo Valico che dice “noi costruiamo non distruggiamo” , un altro dedicato alla statale E45 “un pezzo della crisi in Italia”. Stamane in piazza del Popolo a Roma c’erano circa 20 mila lavoratori del settore delle costruzioni provenienti da tutta Italia in occasione della giornata di sciopero generale indetta dai sindacati di categoria Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil. Erano tutti lì a manifestare per chiedere lavoro, investimenti, ripresa e futuro. In una piazza coloratissima tra bandiere, palloncini, striscioni, magliette e cappellini capeggia un unico slogan ”Rilanciare il settore per rilanciare il Paese”.

Dal palco la fotografia di una grande crisi che si fa concreta con i racconti dei delegati sulle situazioni di difficoltà tra licenziamenti, cassa integrazione e mobilità. Una crisi che non solo investe il settore produttivo ma si riflette sulla vita dei lavoratori e delle loro famiglie. In 11 anni sono oltre 620 mila i posti di lavoro persi e ben 120 mila imprese hanno chiuso i battenti.

“È evidente che questo Paese ha bisogno di interventi infrastrutturali e di mettere in sicurezza il territorio - afferma la segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan -. Ha bisogno di sbloccare i 600 cantieri fermi. Ci auguriamo che il governo ci ascolti e cambi rotta”. La giornata di oggi segna il momento clou di una mobilitazione partita già da settimane per chiedere al governo un vero cambiamento di rotta per rilanciare il comparto. “Il settore delle costruzioni è un volano per la crescita - ribadisce ancora Furlan -. Il nostro Paese ha bisogno di infrastrutture per collegare il nord e il sud ma anche per collegarsi all’Europa”.

Uno sciopero e una manifestazione le cui adesioni sono andate oltre le aspettative per il segretario generale della Filca-Cisl, Franco Turri che dal palco rimarca “servono interventi continuativi, che vanno monitorati, perché non è sufficiente un decreto. Serve una cabina di regia. E per le grandi come per le piccole opere ci vogliono tempo e interventi ordinati. C’è una marea di risorse, tanto per la Tav quanto per altre opere, in ballo e da sbloccare”.

La manifestazione romana è stata dedicata anche alla questione della sicurezza nei cantieri: “uno sciopero per la vita”era scritto in uno degli striscioni in mezzo alla piazza. I lavoratori chiedono più risorse per la formazione e per la prevenzione perché morire nei cantieri non è mai una fatalità.

Leggi l’intervista completa al segretario generale Filca Cisl, Franco Turri, domani su E-dicola Conquiste Tabloid

( 15 marzo 2019 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it