Venerdì 19 luglio 2019, ore 9:07

Quotidiano di informazione socio‑economica

Genova

Crollo ponte, per guardare al futuro servono nuove infrastrutture

di Sara Martano

Genova e la Liguria hanno bisogno delle infrastrutture per guardare al futuro: Gronda e Terzo valico sono assolutamente indispensabil". E' quanto ha affermato la segretaria generale della Cisl Annamaria Furlan oggi a Genova dove ha incontrato i delegati sindacali, il governatore Giovanni Toti e il sindaco Marco Bucci per fare il punto dopo il crollo del ponte Morandi. “Bisogna pensare a ricostruire il ponte - prosegue  - ma guardare anche oltre: una nuova viabilità per la città e un sostegno reale all’economia genovese ligure. Mi pare che Comune e Regione stiano lavorando con grande efficacia per dare una risposta a chi ha perso la casa - continua Furlan - le priorità ora sono il sostegno alle famiglie, al reddito e il tema delle infrastrutture”.

Per la Cisl è necessario mettere mano a tutti gli strumenti che si utilizzano nel paese in situazioni davvero straordinarie, in termini fiscali, di sostegno al reddito, di ammortizzatori sociali, di incentivi alle imprese. “Abbiamo bisogno di poche polemiche - continua Furlan - ci sono molte cose da fare a favore delle imprese, dei lavoratori, delle famiglie delle vittime, degli sfollati e del futuro della città. Genova ha voglia di rialzarsi e di ricominciare, questo è molto importante”.

Intanto i sindacati edili del teritorio in una nota congiunta chiedono al commissario straordinario Giovanni Toti di recepire le intese regionali in materia di appalti, condizione economica maggiormente vantaggiosa ed elemento sociale di qualità.

“Dal crollo del Ponte Morandi - affermano i sindacati - Fillea, Filca e Feneal si sono rese subito disponibili per collaborare con istituzioni ed aziende al fine di riportare al più presto Genova in una situazione di normalità”.

A questo scopo hanno offerto la possibilità di ripensare all’organizzazione del lavoro con turni di 24 per le attività legate all’emergenza. Ma non solo. “ Da subito - continuano i sindacati edili - è stata messa in campo la disponibilità ad agire sulla rimozione dei detriti e ad accelerare la consegna dei cantieri cittadini aperti”. Attività assolutamente indispensabili in vista anche della imminente stagione delle piogge.

Secondo Fillea, Filca e Feneal i lavori possono essere svolti con celerità utilizzando anche il meccanismo del reclutamento delle aziende del territorio già disponibili per le urgenze. Nei cantieri relativi alla viabilità a mare, ad esempio, che realisticamente saranno consegnati in autunno, i lavoratori impiegati stanno operando a ciclo continuo per accelerare le tempistiche programmate e, per quanto possibile, si sta lavorando per predisporre la possibilità di far viaggiare di notte i camion verso le discariche fuori provincia. “Tutto questo - concludono i sindacati - può essere realizzato in tempi brevi”.

 

( 31 agosto 2018 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it