Lunedì 20 maggio 2019, ore 3:44

Quotidiano di informazione socio‑economica

Infrastrutture

Tav, governo sull’orlo di una crisi di nervi

A worker carries a bucket as he walks at the construction site of a tunnel for the high-speed train line TAV (Treno Alta Velocita) between Lyon and Turin, in Saint-Martin-la-Porte, southeastern France, on November 29, 2018. - The Lyon-Turin project would involve construction of a 57.5 kilometre (35.7 miles) tunnel between Maurienne valley and Susa valley, to cut travel time between the two cities to two hours from current four hours. The total cost of the tunnel is estimated at 8.6 billion euros (USD 9.7 billion), 40 percent financed by the EU, 35 percent by Italy and 25 percent by France. Supporters see the train project as a potential source of growth for the region and northern Italy. (Photo by MARCO BERTORELLO / AFP)        (Photo credit should read MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

Sulla Tav il M5S appare sempre più all’angolo. Di Maio è stretto nella morsa: da una parte elettori, iscritti e parlamentari piemontesi, dall’altra dalla Lega, che vuole andare avanti con l’opera. Su tutto la consapevolezza che la Torino-Lione non può essere fermata senza un voto parlamentare che non arriverà mai e che il Paese - partiti, parti sociali e cittadini - è ampiamente schierato a favore Il pressing sale. I sindacati confederali si esprimono a una sola voce. Il paese, ribadiscono Cgli Cisl e Uil, ha bisogno che il governo decida e investa sullo sviluppo. “E’ uno stallo che continua da tanto tempo - sostiene la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, a margine della manifestazione sindacale per l’8 marzo -. Tante grandi e piccole opere sono bloccate, 400 mila posti di lavoro sono bloccati e non se ne capisce la ragione. E' una scelta sbagliatissima”. “Bisogna che il governo decida cosa vuole fare, invece non si capisce”, le fa eco il leader della Cgil, Maurizio Landini. “Noi siamo per le grandi opere - aggiunge il segretario generale della Uil Carmelo Barbagallo -. Bisogna mettere in moto l'economia del paese. Spero non ci sia su questo una crisi di governo”. I sindacati chiedono al governo di sbloccare gli investimenti e ricordano che il 15 marzo gli edili sciopereranno, perché tutti i cantieri sono bloccati, anche quelli piccoli.

Nel giorno della crisi di governo sfiorata, al centro del dibattito arriva una nuova analisi costi benefici potenzialmente esplosiva, non tanto per i contenuti quanto per i suoi estensori. L’analisi sostiene che grazie al corridoio Mediterraneo, di cui fa parte la Torino-Lione, al 2030 si potrà ottenere un risparmio di tempo del 30% per i passeggeri e del 44% per le merci. Inoltre, nei prossimi dieci anni per ogni miliardo investito nel cantiere verrebbero creati 15mila posti di lavoro, senza considerare l'indotto sul territorio. Si tratta di uno studio riservato della Commissione europea (“The impact of TEN-T completion on growth, jobs and the environment”), redatto da numerosi ricercatori di varie nazionalità tra cui la “Trt trasporti e territorio”, la società milanese di cui Marco Ponti è presidente, ossia quella che ha redatto l’analisi costi-benefici per conto del ministero dei Trasporti e su cui si è basato il giudizio negativo del ministro Danilo Toninelli.

( 8 marzo 2019 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it