Lunedì 6 dicembre 2021, ore 16:13

Quotidiano di informazione socio‑economica

Pnrr, 

Sud, allarme risorse 

Nel Pnrr, con una norma inserita nella legge di conversione del decreto Semplificazioni, si stabilisce che al Sud venga destinato il 40% delle risorse, il che ammonterebbe a circa 82 miliardi sui 206 ripartibili secondo il criterio del territorio. Sulla base, invece, di alcune analisi economiche le misure contenenti una esplicita destinazione alle regioni del Sud del Paese ammonterebbero in realtà a 22 miliardi circa. Le medesime analisi prevedrebbero, in aggiunta per le aree meridionali, altri 13 miliardi; in totale, quindi, sarebbero disponibili 35 miliardi. È quanto rileva lo studio “Pnrr in chiave Puglia”, elaborato dalla Cisl regionale e presentato lunedì a Bari.
La preoccupazione della Cisl è se si sarà in grado al Sud “di mettere a terra un'adeguata capacità di spesa e di realizzazione delle opere. È infatti da tenere in conto la carenza di dipendenti pubblici in rapporto con gli abitanti di personale tecnico e specializzato in progettazione, specie considerando che secondo la disamina della Banca d'Italia la realizzazione delle opere nel Mezzogiorno avviene mediamente con un ritardo di circa un anno rispetto al Centro-Nord. Le regioni meridionali fanno registrare tassi più elevati di inutilizzo dei fondi europei assegnati e di opere incompiute”.
Presentando lo studio, la segretaria organizzativa confederale Daniela Fumarola ha sottolineato che “il Pnrr è una grandissima opportunità per uscire da una crisi senza eguali. Farlo bene significa avere una visione di come queste risorse ingenti debbano essere utilizzate. Ci deve essere un metodo e noi pensiamo che una governance partecipata sia fondamentale perché bisogna verificare la qualità della spesa dei progetti, il tipo di ricaduta che questi generano”. Con il Pnrr, aggiunge Fumarola, “deve essere implementata nuova occupazione, bisogna risolvere le criticità che la pandemia ha messo sotto gli occhi di tutti, dalla sanità all'istruzione sino alla pubblica amministrazione. Devono essere rispettate le condizionalità, quindi vantaggi per donne e giovani che la pandemia ha messo in ginocchio. Crediamo anche che queste risorse debbano puntare ad accorciare le distanze che nel Paese ci sono, ovvero riportare il Sud a livelli che possano far parlare dell'Italia di un Paese unito. Un Paese unito vuole un Paese forte nei confronti dell'Europa, diversamente sarebbe il sud dell'Europa”.
Giampiero Guadagni

( 15 novembre 2021 )

Mostre

Tania Bruguera: l’arte al servizio del sociale

Una delle artiste più influenti del nuovo secolo approda a Milano presso il PAC con la mostra “La verità anche a scapito del mondo” 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Artemisia dipinse quattro volte Giuditta, l'eroina biblica che nel 590 a. C salva il popolo ebraico dall’assedio dell’esercito assiro guidato da Oloferne

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Filosofia

Gadamer: il carattere pubblico del vero

In Verità e metodo (1960), è espressa sin dall’incipit la necessità di una non assolutizzazione del valore di verità della conoscenza tecnico-scientifica. Nel contempo avviene il recupero del valore di verità delle scienze dello spirito

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it