Mercoledì 26 settembre 2018, ore 3:40

Quotidiano di informazione socio‑economica

Tlc

Tim: cda approva la separazione della rete, perimetro invariato

Il Cda di Tim ha approvato il progetto di separazione della rete e ha conferito mandato all'ad Amos Genish di avviare l'iter formale per la notifica ad Agcom.Il progetto - precisa una nota - prevede la creazione di una Netco controllata al 100% da Tim, proprietaria della rete di accesso e di tutta l'infrastruttura, "manterrà invariato il perimetro del gruppo, avverrà in conformità e nel rispetto della disciplina del Golden Power".
Tim chiude il 2017 in linea con le attese degli analisti. I ricavi sono stati pari a 19,8 miliardi (+4,2%), l'Ebitda di 7,79 miliardi (-2,6%) - si legge in una nota - "sconta l'impatto negativo di oneri non ricorrenti per complessivi 883 milioni di euro principalmente connessi a processi di ristrutturazione".

L'Ebit è sceso di conseguenza dell'11,6% a 3,2 miliardi e l'utile si attesta a 1,12 miliardi (-38%) che sconta anche "nell'esercizio 2016, l'impatto positivo della valutazione al fair value dell'opzione implicita inclusa nel prestito obbligazionario a conversione obbligatoria".

Il piano strategico di Tim 2018-2020 punta a una forte crescita dell'equity free cash flow consolidato nel triennio, per un totale cumulato di circa 4,5 miliardi di euro, confermata per il 2018 una significativa riduzione del rapporto debito netto/ebitda a circa 2,7 volte in costante diminuzione nel 2019 e nel 2020. Sul domestic prevede una complessiva stabilità dei ricavi da servizi e crescita dell'ebitda media annua 2017-2020 low-single digit in Italia. Le linee guida prevedono una crescita delle linee ubb fisse (retail ewholesale) in crescita a circa 9 milioni al 2020, crescita dei ricavi da servizi e dei margini per Tim brasil e Inwit". Un importante contributo al Piano, si legge nella nota, sarà dato dalle società controllate TIM Brasil, Inwit, e Sparkle.

L'ad di Tim Amos Genish apre al fondo Elliott ma lo invita a un concreto feedback. "Diamo il benvenuto a nuovi azionisti che vogliono investire e useremo ogni feedback per migliorarci - afferma -. Sono disposto a sedermi con loro ma le dichiarazioni sono state fatte prima del piano, ora aspettiamo lo valutino. E sulla governance dovranno parlare direttamente con il board e con gli azionisti in assemblea, ma per ora come azienda non abbiamo ricevuto niente", inteso come proposte concrete.

Quanto al piano presentato da Tim, spiega Genish, punta a una forte generazione di cassa che consentirà il ritorno del dividendo, forse già nel triennio anche se il cda non ha approvato nessuna politica di pay out. "Penso saremo in grado di tornare al dividendo nell'arco dei prossimi tre anni - dice -, se raggiungeremo gli obiettivi lo prenderemo in considerazione ma non è stato ne discusso ne approvato dal cda".

( 7 marzo 2018 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2018 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it