Venerdì 24 maggio 2019, ore 8:05

Quotidiano di informazione socio‑economica

Europa

Brexit, Theresa May: rinvio non oltre il 22 maggio

Theresa May, in un discorso alla nazione, ha aperto a una soft Brexit e a un compromesso con il leader dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn e ha confermato che l'obiettivo di un ulteriore rinvio da chiedere all'Ue non dovrebbe andare oltre il 22 maggio.

La premier Tory ha infatti ribadito la sua intenzione di non far partecipare il Regno Unito alle prossime elezioni europee. "Dobbiamo trovare un compromesso" La richiesta di rinvio della Brexit sarà "più breve possibile" e si concluderà quando ci sarà un accordo con l'opposizione, auspicabilmente "entro il 22 maggio", ha detto la Theresa May dopo una lunga riunione a Downing Street.

"Ci sono divisioni, ma dobbiamo trovare un compromesso che rispetti il voto. E' un momento decisivo per la storia di quest'isola e richiede l'unità nazionale nell'interesse nazionale", ha concluso la premier britannica. Corbyn accetta di incontrare May per uscire dallo stallo Il leader dei laburisti, Jeremy Corbyn, ha accettato di incontrare la premier per tentare di uscire dall'impasse sulla Brexit.

"Sarei molto felice di sedermi ad un tavolo con Theresa May" per discutere una strategia comune che possa risolvere l'attuale stallo, ha detto Corbyn.

"Incontreremo il primo ministro. Riconosciamo che ha fatto un passo, io sento la responsabilità di rappresentare le persone che hanno sostenuto il Labour alle ultime elezioni, ma anche coloro che non lo hanno fatto e vogliono comunque sicurezza e delle certezze per il loro futuro. E questa è la base sulla quale la incontreremo e discuteremo", ha detto il leader dell'opposizione.

La risposta Ue a Theresa May ci sarà domani. Infatti, il presidente della Commissione Ue, Jean- Claude Juncker, interverrà nel primo pomeriggio al Parlamento europeo per chiarire la posizione di Bruxelles su Brexit e rispondere al primo ministro britannico Theresa May. Lo si apprende da fonti Ue. Il dibattito in Parlamento sulla Brexit è già in calendario , prima del dibattito sul futuro dell'Europa con il primo ministro svedese, Stefan Lofven.

"Personalmente sono dispiaciuto che si sia arrivati a questa prospettiva" ma in vista dell’uscita della Gran Bretagna "come capo del governo non sono preoccupato, visto che ci siamo mossi per tempo", ha affermato il premier Giuseppe Conte conversando con ci cronisti in albergo a Doha.

( 3 aprile 2019 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it