Domenica 20 gennaio 2019, ore 11:07

Quotidiano di informazione socio‑economica

Global

Cina, gli operai delle fabbriche di giocattoli non conoscono Babbo Natale

di Ester Crea

Lavorano per Babbo Natale, ma non lo conoscono. Sono gli operai sfruttati nelle fabbriche di giocattoli del dragone. Torna infatti, anche quest'anno, l'allarme sulle condizioni di lavoro nelle aziende cinesi nelle quali vengono prodotti la maggior parte dei regali destinati ad allietare il Natale dei nostri bambini. Innumerevoli ore di straordinario, contatti con sostanze chimiche pericolose e salari poveri, a malapena sufficienti per sopravvivere, sono alcuni dei maggiori problemi evidenziati nell'ultimo rapporto pubblicato sul sito dell'associazione China Labor Watch. L'indagine è stata condotta tra aprile e settembre di quest'anno da investigatori sotto copertura in quattro fabbriche che producono, tra l'altro, i maggiori marchi di giocattoli Hasbro, Disney, Mattel e Lego, ma anche prodotti tedeschi come Simba Dickie, Schleich e Ravensburger.
L'inchiesta ha rivelato 23 violazioni dei diritti dei lavoratori, tra le quali l'orario di lavoro straordinario prolungato da 80 a 175 ore al mese, nonostante la legge cinese stabilisca che le ore di straordinario non debbano superare le 36 ore mensili. La mancanza della adeguata formazione obbligatoria sulla sicurezza che dovrebbe coprire tutte le sostanze tossiche con le quali potrebbero entrare in contatto i lavoratori, oltre al funzionamento sicuro delle macchine. Lavoratori assunti con contratti firmati in bianco e senza l'assicurazione sociale prevista per legge. Le cattive condizioni degli ambienti di lavoro, dei servizi igienici e dei dormitori destinati agli operai. La mancanza di sindacati indipendenti per rappresentare le istanze dei lavoratori.
Nonostante le ripetute denunce, poco o nulla negli ultimi anni è cambiato. E questo perché i marchi internazionali difficilmente si fanno carico della responsabilità per le violazioni dei diritti nella loro catena di approvvigionamento, assumendo essi stessi un ruolo attivo nello sfruttamento dei lavoratori. Ad esempio, se in un anno i costi di produzione per 100 giocattoli Hasbro e Mattel sono fissati in 100 dollari americani, l'anno successivo per produrre lo stesso giocattolo Hasbro e Mattel richiederanno alla fabbrica di realizzare 105 o più giocattoli sempre per gli stessi 100 dollari. Per lo stesso prodotto, i grandi marchi possono trovare diverse fabbriche di giocattoli in competizione tra loro per acquisire degli ordini e la fabbrica che avrà il minor costo di produzione riceverà il maggior numero di ordini. In queste circostanze, se le fabbriche non sono in grado di ridurre il costo dei materiali utilizzati nel processo di produzione, non avranno altra scelta che porre l'onere di abbassare i costi di produzione sulle spalle dei lavoratori cinesi.
 

( 20 dicembre 2018 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it