Lunedì 23 aprile 2018, ore 13:21

Quotidiano di informazione socio‑economica

Global

Crisi Opel, a rischio anche la fabbriche tedesche

di Pierpaolo Arzilla

Si tenterà il possibile per evitare l’ennesimo choc sociale. La situazione di Opel (38mila dipendenti), 4 mesi dopo la chiusura delle operazioni d’acquisto da parte di PSA (operazione da 1,3 miliardi di euro e nuovi settori di mercato soprattutto nel nord Europa) resta insostenibile, secondo i vertici del gruppo che ingloba Peugeot, Citroen, DS e Vauxhall. Il “buco” è di 10, forse 15 miliardi di dollari, dal 2000 a oggi, e la quota di mercato, in 18 anni, è scesa dal 9,22 al 5,72 per cento. Per ora, i 400 tagli decisi in Gran Bretagna negli stabilimenti Vauxhall non avranno un seguito in Germania. L’obiettivo, spiega il Ceo, Carlos Tavares, è evitare licenziamenti secchi e chiusura di fabbriche. E del resto, l’accordo con PSA, al momento della vendita di Opel da parte di General Motors, era proprio di risparmiare ulteriori mattanze almeno fino alla fine del 2018. La situazione, tuttavia, è “drammatica”, con i costi di produzione che negli stabilimenti Opel è ancora superiore del 50 per cento rispetto a quelli delle altre marche del gruppo. PSA punta sulla riduzione dei tempi di lavoro, partenze volontarie e prepensionamenti, ma anche riduzione degli investimenti in ricerca e sviluppo e delle spese amministrative. Non sarà comunque indolore, così come non sarà comunque semplice il negoziato con IG Metall. “Il management impopolare di oggi - si lascia scappare Tavares alla stampa francese - saranno gli eroi di domani”. Il ritorno alla redditività è fissato per il 2020, con margini operativi del 2 per cento nello stesso anno e del 6 per il 2026. Le 9 piattaforme tecniche di produzione dei veicoli Opel verranno ridotte a 2 entro il 2024; quelle per la produzione di motori e cambi scenderanno da 10 a 4. Opel utilizzerà progressivamente piattaforme e motori PSA. Molte produzioni oggi avviate in Corea del Sud, almeno 200mila auto all’anno, lascito della collaborazione con General Motors, verranno riportate in Europa, con l’obiettivo di ridurre il costo di produzione di 700 euro per ogni automobile entro il 2020 e fissare il punto di pareggio della redditività a 800mila vetture all’anno. Nel complesso, si parla di 1,1 miliardi di euro di sinergie entro il 2020, che diventeranno 1,7 nel 2026.

(Articolo completo domani su Conquiste Tabloid)

( 29 novembre 2017 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2018 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it