Sabato 20 aprile 2019, ore 11:28

Quotidiano di informazione socio‑economica

Global

Il modello Amazon pronto a dilagare attraverso la Wto

Nuovi possibili attacchi ai diritti dei lavoratori, grazie alla diffusione del modello Amazon a livello globale. L’allarme viene direttamente dalla Confederazione internazionale dei sindacati (l’Ituc), che in un comunicato pubblicato sul suo sito spiega come, al Forum economico mondiale di Davos, un certo numero di governi, prevalentemente provenienti da economie avanzate, abbiano annunciato l'intenzione di avviare negoziati commerciali sull'e-commerce. Attraverso questi negoziati, mirerebbero a consolidare l'accesso al mercato per le aziende digitali. Un modo perché Amazon, Alphabet (Google), Facebook e altre società multinazionali online possano ottenere il massimo dal sistema del libero scambio.
Il nodo centrale in questa proposta di espansione della Wto (l’Organizzazione mondiale del commercio) concerne la governance dei dati. E questo perché, garantendo il flusso libero dei dati attraverso le frontiere, si pongono importanti limiti alla sovranità dei dati dei paesi e allo spazio dei governi per affrontare gli abusi. Le modifiche proposte, infatti, introdurrebbero discipline dirette nel processo di regolamentazione pubblica e impedirebbero ai governi di richiedere alle aziende di aprire uffici locali e ospitare server sul loro territorio. E senza una sede locale delle società, non vi è alcuna entità da citare in giudizio. Sicché, la capacità dei tribunali nazionali di far rispettare gli standard lavorativi, così come altri diritti, sarebbe fondamentalmente messa in discussione.
"Le questioni sul tappeto - avverte Sharan Burrow, numero uno dell’Ituc - non sono limitate agli aspetti pratici del commercio, sono questioni relative ai diritti dei lavoratori, problemi di governance dei dati e sono problemi di privacy. La polarizzazione algoritmica, la sorveglianza sul posto di lavoro, la black list elettronica dei sindacati sono realtà e i lavoratori hanno bisogno dei loro governi per proteggerli. Non dobbiamo permettere un futuro in cui la capacità dei lavoratori di chiamare in causa i responsabili dei giganti dell'economia digitale sia limitata dagli accordi commerciali”, aggiunge Burrow.
(Articolo completo domani su Conquiste Tabloid)

( 28 gennaio 2019 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it