Domenica 14 agosto 2022, ore 11:41

Scenari

Investimenti esteri, Italia al 25º posto. In pole i paesi dell’Est europeo

Ferragosto s’avvicina. Tempo di viaggi all’estero. Ma se tra un viaggio e l’altro decideste di riflettere su quale paese europeo eventualmente puntare per investire alla ripresa in autunno ed aprire nuove imprese, date un’occhiata alla nuova campagna di Blacktower Financial Management Group, gruppo costituito nel 1986 per fornire consulenza indipendente sulla gestione patrimoniale e un servizio su misura per clienti privati e aziendali. La ricerca ha analizzato fattori come: la percentuale della popolazione con titoli universitari, stipendio netto medio, aliquota dell’imposta sulle società, costo della vita e costo dell’affitto di un ufficio per metro quadrato. Il risultato è che i paesi dell’Europa dell’Est sono i migliori per aprire un’attività, mentre l’Italia si colloca solo al 25esimo posto in classifica. La richiesta di nuove imprese e cambi attività esiste eccome. Complice la pandemia, le persone si stanno reinventando nel lavoro, sfidando anche rischi d’impresa che mai avrebbero pensato di affrontare. Le ricerche su Google per “Come aprire una nuova attività” sono del resto aumentate del 200% nell'ultimo anno. Investire in una nuova attività può essere difficile nel migliore dei casi, ma può essere ancora più complicato quando si desidera iniziare nuove iniziative imprenditoriali all'estero. 
L’imprenditoria attira
L’entrepreneurship, comunque, attira eccome. Lo studio ha analizzato e assegnato un valore di 1-5 per ogni fattore, che è stato a sua volta valutato in modo diverso. Ad esempio, una bassa imposta sulle società e una percentuale di grado più elevata nella popolazione avrebbero entrambi ottenuto punteggi più alti. I paesi sono stati quindi classificati in base a quale aveva il punteggio più alto complessivo. Le nuove imprese possono prosperare in paesi le cui economie stanno crescendo rapidamente per iniziare a competere con quelle di altri paesi più affermati come la Francia e il Regno Unito. In cima alla classifica per i paesi promettenti per i nuovi imprenditori c’è la Lituania. Con un’aliquota dell'imposta sulle società di appena il 15% e bassi costi di affitto degli uffici, stabilire e realizzare un profitto con una nuova attività potrebbe essere più semplice del previsto. A seguire troviamo Cipro e Bulgaria. Cipro ha un’aliquota d'imposta sulle società ancora più bassa, solo il 12,5%, ma il costo della vita più elevato colloca questo stato appena al di sotto della Lituania. La Bulgaria, d'altra parte, si trova al terzo posto a causa della sua bassa percentuale di persone con titolo di studio. Tuttavia, tutti e tre i paesi potrebbero creare nuove opportunità di investimento per le imprese. E il bel paese? Si classifica soltanto al 25esimo posto, per colpa di una tassa sulle società al 24% e un costo della vita non tra i più bassi. Oltre a Cipro e Ungheria, alcuni dei paesi con i costi di affitto più bassi includono Malta, Slovacchia e Paesi Bassi. Pagare costi inferiori per un buono spazio è sempre utile per una nuova attività, consentendo di investire risorse altrove. E per risparmiare fondi sull'imposta sulle società, allora Irlanda, Svizzera e Repubblica Ceca sono buone opzioni al di fuori della top ten. Dopo il podio dei primi tre, seguono l’Ungheria e i paesi baltici della Lituania, Estonia e Lettonia. Il basso costo della vita è uno dei motivi principali per cui questi paesi sono classificati così in alto, garantendo agli imprenditori di avere più soldi da investire nella loro nuova impresa commerciale. Infine, il resto della lista è compilato da Polonia, Slovenia, Romania e Croazia. Proprio come le nostre altre nazioni principali, la bassa imposta sulle società e il costo della vita sono fattori chiave nel loro potenziale. Ma come la Bulgaria, molti di questi paesi sono frenati da una bassa prevalenza di gradi. Mentre le nuove iniziative imprenditoriali sono sempre un'aggiunta gradita in qualsiasi paese, molte nazioni più grandi che sono grandi sulla scena mondiale potrebbero avere una serie di altre attività e mercati consolidati che si adattano alle opportunità di investimento.
Germania fondo classifica
Se siete interessati a investire in questo tipo di opportunità, la Svizzera potrebbe essere una scelta eccellente, combinando un’imposta sulle società relativamente bassa con un alto stipendio medio. Altri paesi di interesse includono i principali paesi, come il Regno Unito, la Francia e la Germania, che sono tutti pieni di potenziali opportunità di investimento. La classifica completa: Lituania, Cipro, Bulgaria, Ungheria, Estonia, Lettonia, Polonia, Slovenia, Romania, Croazia, Slovacchia, Portogallo, Grecia, Irlanda, Spagna, Finlandia, Repubblica ceca, Belgio, Olanda, Malta, Lussemburgo, Austria, Svizzera, Danimarca, Italia, Regno Unito, Norvegia, Francia, Islanda, Germania e Svizzera. Basta avere capitali da investire e Blacktower, che nel 1996 si è espansa offshore, sembra avere suggerimenti per tutti. Anche per chi vuole godersi la pensione all’estero. Blacktower Financial Management (International) Ltd (Bfmi) è stata costituita nel 2003 e incorporata a Gibilterra, dove si trova la sede centrale di Bfmi. Bfmi ha ora uffici in tutta Europa e nelle Isole Cayman e sta continuando con il suo programma di espansione. La sede centrale internazionale si trova a Gibilterra, l’ufficio nel Regno Unito nel Surrey e l'ufficio dei Caraibi a Grand Cayman.
Raffaella Vitulano

( 4 agosto 2022 )

Libri

Gioia del palato... e non solo

Il cibo non è soltanto gioia del palato, ma espediente per ricordare, collocare, identificare: i sapori in determinati contesti contribuiscono a rafforzare immagini, fisiche o mentali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il rovescio della medaglia della nuova ondata di ossigeno che risolleva il nostro turismo ha la faccia degli italiani per i quali le ferie resteranno un miraggio

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Protagonisti del Novecento

Marilyn nella Guerra Fredda

Tutta la carriera di Marilyn Monroe, si consumò nella fase più acuta della Guerra Fredda. Nel 1954, era a Seul, per intrattenere i Marines che combattevano in Corea

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it