Martedì 25 gennaio 2022, ore 18:56

Quotidiano di informazione socio‑economica

Europa 

Parigi non forzerà i tempi sul nuovo Patto di stabilità 

Anche i 'frugali' olandesi lo hanno capito: occorre investire nei settori strategici per rilanciare una crescita sostenibile e risanare i conti pubblici. E in questa ottica le regole del Patto di stabilità dovranno essere riviste per consentire che i singoli Paesi, a seconda della loro situazione di partenza, possano procedere a velocità differenti sulla strada della riduzione dei rispettivi debiti pubblici. Questa, in sintesi, l'indicazione giunta dal governo di Parigi all'indomani dell'avvio della presidenza di turno francese dell'Ue. Un ruolo che fino alla fine del prossimo giugno vedrà la Francia in prima linea nella gestione dei dossier più caldi sul tavolo dell'Unione. Un elemento fondamentale di questo pacchetto è la riforma del Patto ma Parigi non si fa illusioni: per mantenere l'unità dell' Ue occorrerà comunque portare avanti discussioni lunghe, approfondite e difficili.

Un'intesa potrebbe arrivare la prossima estate o in autunno. Ma in ogni caso la posizione francese è chiara: su una questione così importante "non bisogna forzare i tempi", hanno sottolineato autorevoli fonti del governo osservando che uno slittamento dell'accordo al 2023 non sarebbe un dramma. Di sicuro, per la Francia, il Patto deve essere rivisto e deve consentire il raggiungimento di obiettivi politici. In particolare, occorre trovare il giusto equilibrio tra la sostenibilità dei conti pubblici e la necessità di investire in settori cruciali - come l'ambiente, la sanità, lo spazio, le batterie e i semiconduttori - per garantire l'autonomia e la sovranità dell'Europa. Quanto agli interventi da attuare per riattualizzare il Patto e le sue regole, il ruolo della Francia non sarà quello di fissare e difendere cosiddette 'linee rosse' ma di lavorare per avvicinare le posizioni. Un obiettivo che difficilmente potrà essere raggiunto in sei mesi Il lavoro che Parigi vuole portare avanti parte da una situazione completamente cambiata rispetto al tempo pre-covid, come già sottolineato non a caso da Draghi e Macron nella loro lettera pubblicata sul Financial Times. Ora c'è la consapevolezza che occorre immaginare regole che si adattino alle realtà dei singoli Paesi.

In tal modo - secondo la visione del governo francese - potrà essere stabilito un calendario credibile e fattibile per la riduzione dell'indebitamento per rassicurare i mercati all'interno di un contesto di regole comuni. Ieri a rendere omaggio alla presidenza di turno della Francia e al ruolo che essa può svolgere per ridare slancio alla costruzione europea sono stati la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen e il commissario all'economia Paolo Gentiloni, giunti a Parigi per confrontarsi sul programma di lavoro dei prossimi mesi con Macron e il suo governo. Colloqui nel corso dei quali si è parlato anche del progetto di portare avanti a tappe il Patto sulla migrazione e la riforma di Schengen all'insegna della responsabilità e della solidarietà e del complesso pacchetto clima, senza tralasciare i timori per l'economia, l'inflazione e il prolungarsi della crisi del Covid-19. "Felice di essere a Parigi per visitare la presidenza francese dell'Ue. Siamo a metà mandato, quindi il 2022 è un anno cruciale per l'agenda europea. So che l'Europa può contare sulla Francia per andare avanti"ha scritto in un tweet la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen. Per quanto le misure interne alla Francia, "non voglio rompere le scatole ai francesi. Protesto tutto il giorno con l'amministrazione quando mette ostacoli. E invece, con i non vaccinati, ho tanta voglia di rompere le scatole. E quindi continueremo a farlo, fino alla fine. Questa è la strategia".

A tre mesi dalle presidenziali, Emmanuel Macron ha lanciato il suo affondo più duro contro i no vax. Mentre il mondo continua a fare i conti con lo tsunami di contagi di Omicron, il leader dell'Eliseo - finito nella bufera politica per il linguaggio usato - esclude per ora l'obbligo vaccinale. Anche parziale, come quello verso cui va l'Italia per gli over50. Nell'Ue, dove una decisa apertura era giunta direttamente dalla presidente della Commissione Ursula von der Leyen, la misura è già stata approvata dall'Austria, dove entrerà in vigore dal primo febbraio, e dalla Grecia, dove scatterà tra dieci giorni ma solo per gli over 60. Ma la valanga Omicron ha dato nuovo impulso ai suoi fautori. Quasi tutti prevedono già l'obbligo per alcune categorie, in particolare i sanitari e chi svolge servizi pubblici, come insegnanti e poliziotti. Per molti, il prossimo passo potrebbe essere l'estensione per età e fattori di rischio. Così come dall'altra parte dell'oceano dove anche il presidente americano, Joe Biden, ha spinto sui vaccini imponendo, oltre che nella pubblica amministrazione e nei trasporti, l'obbligo nelle aziende con oltre 100 dipendenti.

Rodolfo Ricci

( 7 gennaio 2022 )

Mostre

Un sodalizio intellettuale e umano

Levi e Ragghianti. Un’amicizia fra pittura, politica e letteratura, una grande mostra a Lucca, Fondazione Ragghianti-Complesso Monumentale di San Micheletto

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Paola Mastrocola e Luca Ricolfi parlano del loro libro Il danno scolastico. La scuola progressista come macchina della disuguaglianza

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Protagonisti del Novecento

Nel labirinto di Comisso

Il 21 gennaio 1969 si spegneva Giovanni Comisso, trevigiano, una delle voci più irripetibili della letteratura italiana novecentesca

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it