Lunedì 20 novembre 2017, ore 18:26

Quotidiano di informazione socio‑economica

In primo piano

Terremoto tra Iran e Iraq, oltre 400 per ora le vittime

È salito a 407 il numero dei morti accertati in seguito al violento terremoto di magnitudo 7.3 che la notte scorsa ha colpito le aree di confine tra Iran e Iraq. Lo ha reso noto un responsabile dell’ente preposto ai soccorsi, aggiungendo che la maggior parte delle vittime sono in territorio iraniano. Oltre 200 persone sono intrappolate sotto le macerie di un complesso residenziale a Sarpol Zahab, la città dell’ Iran più colpita. Il Papa si è detto "profondamente addolorato e assicura la sua solidarietà nella preghiera. Il premier Gentiloni ha offerto l’aiuto dell’Italia. -

”Italia vicina a chi soffre e pronta a offrire aiuti ai paesi colpiti”, scrive in un tweet il presidende del Consiglio Paolo Gentiloni. Mentre l'Alto rappresentante per la politica estera Ue Federica Mogherini, intervenuta prima del Consiglio Esteri-Difesa di oggi, ha assicurato il sostegno dell’Unione europea le autorità di Iran e Iraq a far fronte alle conseguenze del terremoto. Quanto accaduto al confine fra i due paesi, ha osservato, "è in cima ai nostri pensieri. Voglio esprimere tutta la mia solidarietà alle famiglie delle vittime e offrire alle autorità della regione la nostra disponibilità per qualsiasi cosa possano ritenere utile: sappiamo cosa significa affrontare un terremoto di tale intensità".

Nel Kurdistan iracheno, intanto, c’è allarme per due dighe nelle vicinanze dell'epicentro del sisma."La diga di Darbandikan ha subito dei danni a causa di una frana nel monte adiacente che ha causato la caduta di massi sul corso d'acqua dell'impianto oltre al crollo di abitazioni vicine", hanno detto sia il ministro dell'Agricultura della regione autonoma del Kurdistan Abdul Sattar Majid che il ministro iracheno per le Risorse Idriche Hassan al Janabi, come riporta la tv satellitare al Sumaria.

Il ministro curdo ha invitato la popolazione di allontanarsi dalla diga."La diga di Hamrin è in una situazione buona e sembra che non abbia subito crollo o danni", ha precisato il ministro al Janabi secondo il quale anche nella più lontana e ben più grande diga non sono giunte notizie di danni.

( 13 novembre 2017 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2017 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it