Sabato 18 novembre 2017, ore 1:55

Quotidiano di informazione socio‑economica

Previsioni di Autunno

Ue: la ripresa dell'Italia accelera nel 2017, poi rallenta

Pierre Moscovici, European Commissioner for Economic and Financial Affairs, Taxation and Customs gives a press briefing as the Commission has decided to recommend to the Council to close the Excessive Deficit Procedure (EDP) for Greece in Brussels, Belgium, 12 July 2017.  EPA/OLIVIER HOSLET

"La ripresa economica in Italia accelera nel 2017 grazie alla domanda esterna e domestica, ma i venti di coda in rallentamento e le più basse prospettive di crescita nel medio periodo modereranno la crescita" nei prossimi due anni. Lo scrive la Commissione Ue nelle previsioni economiche d'autunno, che rivedono al rialzo il pil 2017 a 1,5% (da 0,9% previsto a maggio) e quello 2018 a 1,3% (da 0,9%). Il rallentamento però prosegue nel 2019, col pil fermo a 1%.

L'Italia resta ultima in Europa sulla crescita per tutto il nuovo periodo coperto dalle previsioni della Commissione Ue, cioè 2017, 2018 e 2019. Solo il Regno Unito, che però viene per la prima volta escluso dalla tabella Ue-28, ha un andamento del pil quasi uguale a quello italiano. E' Malta invece il Paese europeo che cresce di più: +5,6% nel 2017, +4,9% nel 2018 e +4,1% nel 2019.

L'economia dell'eurozona crescerà nel 2017 "con il suo ritmo più veloce da un decennio" arrivando a un Pil del 2,2%, con un revisione al rialzo di un +0,5% rispetto alle stime di maggio che lo davano all'1,7%. Il Pil dell'eurozona è rivisto al rialzo anche per il futuro, con un 2,1% nel 2018 (precedenti previsioni all'1,8%) e all'1,9% nel 2019. Per l'Ue a 27 (già esclusa dalle stime la Gran Bretagna per la Brexit), il Pil è a 2,4% per il 2017, 2,2% per il 2018 e 2% per il 2019.

La Commissione Ue rivede al ribasso le stime sul deficit italiano: nel 2017 scende a 2,1% (dal 2,2% previsto a maggio), nel 2018 a 1,8% (dal 2,3% di maggio), "grazie ad una crescita più alta" e ad alcune misure come spending review, scontrino elettronico obbligatorio. Nel 2019, a politiche invariate, torna al 2%. Il deficit strutturale invece peggiora "leggermente" nel 2017 (2,1% invece del 2% previsto a maggio), e migliora solo "marginalmente" nel 2018 (2%).

"I recenti interventi del Governo per affrontare i rischi acuti nelle banche deboli può aiutare a sbloccare il credito e ridurre ulteriormente i rischi al ribasso, mentre ci si attende che le riforme strutturali sollevino la crescita potenziale", scrive la Commissione Ue.

La disoccupazione nell'eurozona per il 2017 sarà al 9,1%, "il livello più basso dal 2009", mentre il numero di occupati raggiunge "un picco record", con una crescita dell'1,5%. Così le previsioni economiche d'autunno della Commissione Ue. La disoccupazione scenderà ulteriormente nel 2018 a 8,5% e nel 2019 a 7,9%. Nei 28 il tasso di disoccupazione è previsto al 7,8% per quest'anno, al 7,3% per il prossimo e al 7% nel 2019.

Bruxelles rivede leggermente al ribasso le stime della disoccupazione in Italia: nel 2017 si assesta a 11,3% (invece dell'11,5% previsto a maggio), per poi scendere a 10,9% nel 2018 e a 10,5% nel 2019. L'occupazione invece "rallenta a 1% nel 2017" dopo "il phasing-out degli sgravi per le assunzioni", a 0,9% nel 2018 e 0,5% nel 2019. I nuovi incentivi del bilancio 2018 per le assunzioni dei giovani "sosterranno" l'occupazione. Ma lo sviluppo del mercato del lavoro "sarà in linea con l'attività economica".

I rischi per l'economia europea "sono ampiamente bilanciati", ma "i principali rischi al ribasso sono esterni e legati alle tensioni geopolitiche" come nella Penisola coreana, l'estensione di politiche protezionistiche e l'aggiustamento economico in Cina. All'interno dell'Ue, invece, i rischi al ribasso sono "legati all'esito dei negoziati sulla Brexit", a un forte apprezzamento dell'euro e a tassi d'interesse più elevati sul lungo periodo.

( 9 novembre 2017 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2017 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it