Venerdì 22 giugno 2018, ore 1:23

Quotidiano di informazione socio‑economica

Alimentare

Granarolo, lo stracchino va in Friuli. Decise 32 ore di sciopero

Va in frantumi la pax sindacale in Granarolo. E sul colosso cooperativo del latte ore pende la minaccia di 32 ore di sciopero. Intanto nell'assemblea di ieri i lavoratori hanno indetto da subito il blocco di tutte le prestazioni straordinarie, di tutte le forme di flessibilità, a partire dal blocco dei festivi. Alla base della protesta le decisioni aziendali comunicate ai sindacati e alla rsu nell'incontro che si è tenuto lunedì scorso. Granarolo, infatti, ha annunciato ai rappresentanti dei lavoratori di voler chiudere il reparto 'duri' (dove si producono i formaggi stagionati) entro il prossimo aprile, e che da subito la lavorazione di 10 tonnellate di stracchino sarà spostata nell'azienda Venchiaredo (una delle ultimi acquisizioni del gruppo bolognese), in Friuli Venezia Giulia.

Di conseguenza, non ci sarà più l'esigenza del turno notturno nel reparto 'molli'. La direzione, riferiscono i sindacati, ha assicurato che queste decisioni non comporteranno ricadute occupazionali sulla forza lavoro strutturale, a patto che si apra "da subito il confronto sugli otto punti resi noti dall'azienda nel precedente incontro sindacale". Una richiesta respinta al mittente dai sindacati, che hanno chiesto che la discussione sul deficit di efficienza che sconta lo stabilimento Granarolo di Bologna venisse fatta a "bocce ferme".

Alla richiesta di rivedere le proprie scelte, però, l'azienda ha risposto picche. A questo punto, i lavoratori di Granarolo, preso atto della posizione dell'azienda, "si riconoscono in quella assunta dalla delegazione sindacale, e pertanto invitano la Direzione aziendale a rivedere le proprie decisioni" per favorire un confronto "senza alcun condizionamento su quelle che sono le problematiche che attengono alla vita dello stabilimento".

In caso di risposta negativa, i lavoratori di Granarolo "si riservano di mettere in campo tutte le iniziative utili a favorire un costruttivo confronto, ed a sostegno della propria posizione indicono da subito il blocco di tutte le prestazioni straordinarie, di tutte le forme di flessibilità, a partire dal blocco dei festivi". Inoltre, confermano i sindacati, indicono un pacchetto di 32 ore di sciopero, le cui modalità verranno di volta in volta comunicate. A questo proposito,è' già stata fatta una prima fermata di mezz'ora nel turno di ieri mattina.

( 8 marzo 2018 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2018 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it