Venerdì 20 aprile 2018, ore 10:29

Quotidiano di informazione socio‑economica

Alimentare

Melegatti, niente cassa integrazione. Non si ferma la produzione

Non sarà firmato l’accordo di cig ordinaria per i lavoratori della Melegatti: altri 5 mila pandori saranno sfornati in un paio di giorni e poi nello stabilimento di San Giovanni Lupatoto inizierà la campagna per le colombe pasquali. È quanto deciso ieri sera, come riporta L’Arena , al termine del vertice tra azienda, sindacati e commissari del Tribunale.

Per non lasciare a casa nessun operaio si è stabilito di proseguire la produzione natalizia per un paio di giorno in modo da sfornare altri 5 mila dolci per lo spaccio aziendale dove i clienti giungono quotidianamente proprio per acquistare i pandori Melegatti.

”Restano certo ancora numerose incognite (oltre ai tre mesi di stipendi arretrati per i dipendenti), su tutte la ristrutturazione del debito, la cui proposta per il piano di rientro è stata depositata il 7 novembre e nei prossimi mesi dovrà essere valutata e accettata dalla maggioranza dei creditori (60%). Ma nonostante ciò, è soddisfatto per ora il sindacalista Maurizio Tolotto di Fai Cisl, da sempre contrario alla cig e le cui dichiarazioni in merito al cambio di rotta sono state riportate da Fanpage.it: "Si è cercata una via d’uscita. I dipendenti fissi, una settantina, proseguiranno il lavoro. Dopo un lungo confronto per verificare le possibilità, è stata assicurata continuità anche ai 14 tempi determinati. Abbiamo studiato incastri di ferie e tutte le possibilità di copertura di turni - ha quindi concluso Tolotto - pur di assicurare continuità occupazionale e le migliori condizioni per iniziare la produzione pasquale".

"Il ’paracadutè per i lavoratori - ha spiegato Laura Salvi, segretario Flai Cgil - sarebbe stato attivato solo per poche persone e per pochi giorni, tenendo conto delle festività, delle ferie e dei riposi da smaltire, quindi abbiamo trovato un’altra soluzione". "Così - ha aggiunto - subito dopo Natale si prevede che si cominci a lavorare sugli impianti di produzione per preparare la partenza della campagna di Pasqua nei giorni seguenti l’Epifania".

L’avvio alla produzione di colombe pasquali è però condizionato dall’intervento del fondo maltese Abalone, che dopo avere garantito i 6 milioni di euro necessari per la campagna natalizia si è impegnato, nell’accordo siglato con i soci di maggioranza di

Melegatti e approvato dal Tribunale, a mettere a disposizione altri 10 milioni di euro proprio per finanziare la campagna pasquale. "È un passaggio obbligato nel piano di risanamento dell’azienda" ha spiegato il direttore generale di Melegatti, Luca Quagini.

"Dopo lo straordinario successo della campagna di Natale - ha aggiunto - con la corsa all’acquisto e una partecipazione molto sentita dei consumatori, speriamo che anche la campagna di Pasqua abbia un ottimo esito, grazie all’impegno di tutti: lavoratori e azienda".

( 15 dicembre 2017 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2018 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it