Sabato 16 febbraio 2019, ore 9:31

Quotidiano di informazione socio‑economica

Alimentare

Pernigotti, l’azienda conferma la chiusura. Fumata nera al Mise

Pernigotti chiude bottega. La volontà è quella di chiudere lo stabilimento di Novi Ligure e terziarizzare la produzione. Lo ha ribadito il gruppo turco Toksoz, rappresentato da consulenti, nel corso del tavolo al ministero dello Sviluppo economico che ha lo scopo di trovare un accordo con la proprietà. E’ quanto emerge da fonti sindacali presenti all’incontro.

A rischio sono oltre 250 lavoratori (100 dipendenti, 150 tra stagionali e interinali e 20 lavoratori del settore commercio).

"Il tavolo va avanti ma solo se viene la proprietà turca ed è per questo che è il presidente del consiglio, Giuseppe Conte convocherà la Pernigotti e la proprietà turca, la Toksoz", ha detto il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio al termine del tavolo.

Alla proprietà turca, ha sottolineato, "spiegheremo che il marchio Pernigotti e il sito sono uniti. Se la proprietà turca non vuole investire nello stabilimento di Novi Ligure allora deve dare totale disponibilità all'utilizzo del marchio e noi ci impegneremo a trovare nuovi soggetti interessati", ha sottolineato Di Maio. "Non è accettabile che si prenda il marchio e si lascino i lavoratori a casa: questa gente ha creato la Pernigotti", ha rilevato.

Durante il tavolo al ministero dello Sviluppo economico, si è tenuto un presidio dei lavoratori dello storico marchio.

"La nostra richiesta è la Cig per due anni e trovare una soluzione adeguata in modo da mantenere marchio e produzione", sottolineano i sindacati. "Se sì smette di produrre il marchio a Novi Ligure è una truffa. Il governo intervenga per la tutela dei marchi storici", hanno aggiunto e considerano importante la presa posizione della Regione Piemonte sulla possibilità di acquisire il marchio Pernigotti dalla società turca che oggi ne è proprietaria. "Pernigotti esiste dal 1860. Una storia che non può sparire da Novi Ligure", sottolineano i lavoratori davanti al ministero di via Molise a Roma.

"La politica sia unita per trovare soluzioni: useremo tutti gli strumenti a disposizione per cercare di mantenere la produzione in Italia", aveva detto 'Mattino Cinque' Stefano Buffagni, sottosegretario M5S agli Affari regionali. "I tecnici e la politica stanno lavorando, ma intanto è fondamentale garantire supporto economico ai lavoratori e alle famiglie, che non possono essere soltanto un numero. Non si può continuare a fare impresa sulla pelle delle persone", aveva aggiunto.

( 15 novembre 2018 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it