Martedì 25 giugno 2019, ore 14:45

Quotidiano di informazione socio‑economica

Alimentare

Pernigotti verso la chiusura. Firmata l’intesa per la Cigs

Chiude, dopo 160 anni, la Pernigotti, la storica azienda di gianduiotti di Novi Ligure, di proprietà del gruppo turco Toksoz. Da ieri è scattatta la cassa integrazione straordinaria per reindustrializzazione che interesserà per un anno i 92 dipendenti. L’accordo per la cessazione dell’attività produttiva, raggiunto al ministero del Lavoro, prevede anche l’avvio di un piano di politiche attive per il lavoro con un primo incontro di verifica a marzo. Non mancano gli investitori interessati, tre sono in attesa di effettuare un sopralluogo presso lo stabilimento.

L’azienda, che ha già affidato a partner attivi sul territorio nazionale la produzione di alcune linee di prodotto conferma "la volontà di continuare a produrre, distribuire e commercializzare i propri prodotti dolciari attraverso accordi di terziarizzazione in Italia" e s’impegna "a comunicare tempestivamente eventuali accordi di reindustrializzazione, cercando di evitare il proliferare di inutili speculazioni, come avvenuto nei mesi scorsi, per non alimentare false aspettative, prive di concreti fondamenti". "È una pagina triste per lo stabilimento Pernigotti. Chi vuole chiudere deve cedere il marchio e consentire la continuità di un brand così importante per tutelare la qualità e l’occupazione", commentano i sindacati, che parlano di rischio spezzatino. Come dire: "Non era quello che auspicavamo ma è un risultato positivo perchè abbiamo ottenuto la modifica della finalità della cassa che consente la reindustrializzazione del sito e l’attivazione del politiche attive che consente la rioccupazione dei lavoratori".

In effetti un obiettivo potrebbe essere quello di arrivare all’incontro al Mise il prossimo mese con l’obiettivo della reindustrializzazione anche del famoso marchio simbolo di qualità e made in Italy.

Critico il sindaco Rocchino Muliere, presente all’incontro al ministero: "È poco rispettoso il fatto che siano stati nominati due advisor, uno dal Governo e uno dalla proprietà. Quest’ultimo aveva l’obiettivo di vendere il settore ’preparati per gelato’ con marchio Pernigotti. Una situazione da noi sempre contrastata, che getta un cono d’ombra sulle prospettive dell’azienda".

"Il Governo si faccia carico al più presto di dare risposte ai lavoratori della Pernigotti, che oggi vedono l’azienda chiudere la produzione, dopo aver visto solo pochi mesi fa il ministro Luigi Di Maio cimentarsi in promesse e rassicurazioni", afferma la vicepresidente del Senato Anna Rossomando (Pd).

( 6 febbraio 2019 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it