Sabato 18 novembre 2017, ore 1:48

Quotidiano di informazione socio‑economica

Trasporto aereo

Ryanair cancella 702 voli fino ad ottobre: il personale ha troppe ferie arretrate

Sono 702 i voli cancellati da Ryanair in arrivo e in partenza dagli aeroporti italiani verso mete italiane ed estere da oggi fino a fine ottobre. E' quanto risulta dalla lista pubblicata sul sito della compagnia irlandese low cost. Colpite tutte le tratte e tutti i principali scali del Paese. Solo oggi sono stati cancellati 17 voli, fra cui un volo Roma Ciampino-Londra Stansted. Domani i collegamenti cancellati saranno 13. Le tutele per i passeggeri nei principali casi di disservizio, quale tra gli altri la cancellazione del volo prevedono il rimborso del prezzo del biglietto, riprotezione su un nuovo volo, ma anche assistenza e in alcuni casi indennizzo fino a 600 euro.

"Dispiace sempre per i disagi che i viaggiatori subiscono, a volte dovuti a fenomeni naturali, altre a una cattiva organizzazione. Nello specifico caso Ryanair è imputabile alla seconda motivazione: chi lavora in questo mondo dovrebbe sapere che arrivare a questo punto di cancellare i voli per cause organizzative è sempre una sconfitta, quindi il rimborso economico è sacrosanto e va dato ai passeggeri". Interviene il segretario nazionale della Fit-Cisl Emiliano Fiorentino. "Ò Leary - prosegue Fiorentino -, partendo da una piccola compagnia ed arrivato ad essere il Ceo di una grande azienda, dovrebbe sapere che, perchè un gigante dei cieli funzioni, occorre un mix che includa un grande management e i lavoratori, che sono coloro che realizzano le idee e le strategie di chi è al comando. Il discorso delle ferie non può essere imputabile assolutamente ai dipendenti perchè è un diritto dei lavoratori e come tale va rispettato. Il problema sta nel management, che ha gestito e pianificato l’attività di volo, incurante delle giornate di ferie e riposo necessarie per il personale navigante". "Oramai si apprende da più fonti giornalistiche che Ryanair è una delle compagnie aeree che formalizzeranno il 2 ottobre la proposta vincolante per l’acquisto di un pezzo di Alitalia e la cosa che ci spaventa in questa ottica è di ritrovarsi probabilmente a discutere di tutele per i lavoratori scritte nella Costituzione e ormai assimiliate nei nostri contratti da decenni. Pensare che soltanto la scorsa settimana si è sottoscritto un contratto di lavoro per la compagnia low fare Norwegian, che il clima estremamente costruttivo ha portato ad un ottimo risultato, ci conferma ancora una volta che l’Ad di Ryanair rimane una voce fuori dal coro in termini di rispetto dei diritti e delle regole".

( 19 settembre 2017 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2017 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it