Domenica 18 agosto 2019, ore 2:01

Quotidiano di informazione socio‑economica

Banche

Unicredit, mano pesante sui tagli: gli esuberi sono 18mila

Il nuovo piano strategico di Unicredit, traguardo il 2018, non fa sconti sul fronte del lavoro: 18mila e 200 esuberi sparpagliati tra Italia, Germania, Francia ed Europa orientale, la cessione della controllata ucraina e la messa in vendita, nel 2016, del retail (Austria) e del leasing (Italia), una sforbiciata alle filiali (ne chiuderanno 800). Tutto con l’obiettivo di portare l’utile a 5,3 miliardi, un target al cui raggiungimento concorre la riduzione dei costi per 1,6%.

Per l’ad Federico Ghizzoni si tratta ”un piano rigoroso e serio e al tempo stesso ambizioso”. Ghizzoni aggiunge anche l’aggettivo ”realistico” perché - spiega - si basa ”su azioni che dipendono dalle nostre scelte manageriali ed è un piano totalmente autofinanziato”.

La Borsa ha apprezzato e nel pomeriggio il titolo a Milano veleggiava a + 3%. I sindacati molto meno, anche perché i rumors delle ultime settimane raccontavano di numeri più contenuti sul lato dell’occupazione, con tagli fermi a quota 12mila sul totale del gruppo. Ma soprattutto le sigle di categoria - che ieri hanno incontrato l’azienda - non hanno digerito l’aumento degli esuberi per le attività italiane, lievitati dai 5700 previsti dal precedente piano a 6.900. Una cifra quest’ultima cui si arriva sommando 560 nuove eccedenze agli eventuali tagli, circa 400, nel leasing : “Non è accettabile che Unicredit riveda, ancora una volta aumentandolo, il numero degli esuberi rispetto a quelli previsti nel piano industriale 2013-2018”, dice il segretario nazionale della First Cisl Pier Luigi Ledda. Per far quadrare i conti e sostenere i dividendi, denuncia il sindacalista, Unicredit propone la solita formula ”che abbiamo visto adottare negli ultimi anni”, cioé il taglio dle costo del lavoro. ”Una strategia miope”, la definisce Ledda, che pianta già i paletti sul negoziato: “In ogni caso gli esuberi dovranno essere gestiti con il Fondo di Solidarietà, sotto forma di prepensionamenti volontari”.

( 11 novembre 2015 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it