Domenica 18 aprile 2021, ore 7:59

Quotidiano di informazione socio‑economica

Alitalia

Amministrazione insostenibile

La gestione commissariale di Alitalia è sempre più insostenibile e l’esasperazione dei lavoratori sta crescendo. Una situazione che il Governo non può continuare a sottovalutare.

La Fit Cisl tuona sulla questione per voce di Monica Mascia, segretario nazionale. 'Durante la riunione di mercoledì - spiega - abbiamo appreso dai Commissari che una fonte imprecisata ha dato alla stampa, prima che ne venissero a conoscenza le parti sociali e i lavoratori, la notizia che sarebbe stato erogato solo il 50% delle retribuzioni in carico all’a zienda, con l’esclusione della parte degli ammortizzatori sociali, per i quali è stata richiesta l’anticipazione diretta da parte dell’Inps. In aggiunta al danno materiale, dunque, anche la beffa; perché l’azienda aveva comunicato la decurtazione dello stipendio ai lavoratori, con una mail in cui contestualmente si porgevano ai dipendenti e alle loro famiglie gli auguri di buona Pasqua. E qui davvero siamo senza parole. Questo modo di procedere è in spregio delle corrette relazioni sindacali e della delicatezza del momento. Come se non fosse abbastanza, i commissari ci hanno informato che per un migliaio di dipendenti, per motivi non chiariti, (sembrerebbe imputabili all’ Inps), avranno la parte degli ammortizzatori pagata dall’Ente, erogata tramite Poste Italiane; per cui questi lavoratori avranno un ulteriore allungamento delle tempistiche. Il sindacato ha sempre contrastato l’intenzione di Alitalia di richiedere l’e rogazione diretta da parte dell’Inps degli ammortizzatori sociali. Un conto che, purtroppo, verrà pagato dai lavoratori'.

Come prevedibile sono arrivati dei bonifici di cifre ridicole, mentre non vi è ancora traccia della parte di retribuzione di competenza Inps. In tutto questo, il malessere dei lavoratori continua a crescere - prosegue Mascia. Il Governo deve intervenire immediatamente e cambiare rotta, superando innanzitutto le incomprensibili resistenze della Ue, altrimenti rischiamo di perdere una compagnia da 11mila dipendenti più l’in dotto che è per vocazione l’asse portante del nostro sistema turistico, che, lo ricordiamo, vale il 13% del Pil ed è già duramente provato dalla pandemia. Senza contare i danni sull’indotto e, conseguentemente, sul sistema Paese'.

Intanto proseguono burrascose anche le sorti della compagnia Air Italy che ha deciso di procedere al licenziamento

collettivo per 1.450 lavoratori dell'ex compagna sardo-qatariota. 'I liquidatori della compagnia si fermino immediatamente, blocchino i licenziamenti e convochino un incontro per attivare la cassa integrazione guadagni in deroga con causale Covid - si appellano le segreterie nazionali di Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto aereo - strumento messo a disposizione dal welfare italiano proprio per contenere gli effetti della crisi drammatica in atto nel Paese senza comportare oneri per l'azienda'. Pronta anche un'azione di protesta: un sit-in il 14 aprile davanti al Mise per denunciare 'la crisi insostenibile per il settore'.

'Non possiamo accettare che lo scempio prodotto dagli azionisti di Air Italy, a suo tempo da noi denunciato nell'indifferenza più totale delle Istituzioni, venga pagato dai lavoratori - affermano. Abbiamo chiesto subito un incontro al Mise per individuare soluzioni industriali atte a garantire un futuro ai lavoratori di Air Italy a sostegno della vertenza e per rappresentare direttamente al ministero la gravità e l'urgenza della situazione in cui versano i lavoratori'. E ribadiscono: 'Le Regioni Lombardia e Sardegna, territori sui quali ricade in maniera preponderante l'impatto delle decisioni sulla compagnia devono mantenere gli impegni assunti'.

Cecilia Augella

( 18 aprile 2021 )

Filosofia

Le vacanze di Cioran

La completa inettitudine dell’uomo Cioran alla vita normale, il suo sentirsi inadeguato ad ogni cosa, il suo essere preda della noia, il suo subitaneo essere stanco di tutto

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La solidarietà si esprime pure nei gesti quotidiani, come il rispetto delle regole, il sostegno ai tanti che vivono in solitudine questa necessaria reclusione

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Filosofia

L’infinito etico di Lévinas

Compie cinquant’anni Totalità e infinito del filosofo lituano-francese che ha ripensato l’etica del Novecento a partire dal fuori, dal volto dell’altro

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it