Martedì 21 maggio 2019, ore 11:48

Quotidiano di informazione socio‑economica

Il caso

Blutec, a Termini Imerese è ancora allarme

Quasi 700 lavoratori in ostaggio e la rabbia che monta: a Termini Imerese la situazione è questa. Lo stabilimento ex Fiat non ha mai ripreso a marciare e non sembra che lo farà a breve. I piani via proposti dal nuovo acquirente, la Blutec di Roberto Ginatta, si trascinano di ritardo in ritardo. Anche gli impegni assunti al ministero dello Sviluppo Economico a metà dicembre faticano a trovare attuazione: gli stipendi sono in ritardo, gli operai rientrati in fabbrica sono appena un centinaio, anche su Metasalute, il fondo di sanità integrativa, e su Cometa, previdenza complementare, c’è un rallentamento. Cosa più grave, la concessione della cassa integrazione straordinaria per l’intero 2019, sulla quale è stato raggiunto un accordo due settimane fa, potrebbe a questo punto tornare in discussione.

E così i sindacati dei metalmeccanici hanno lanciato il loro avvertimento: senza una risposta chiara in tempi brevi torneranno a scioperare. A chiederglielo sono i lavoratori Blutec che lunedì si sono riuniti in assemblea davanti ai cancelli dello stabilimento.

Il primo passo è stato la richiesta di un incontro al presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci ed al prefetto di Palermo, ma il destinatario del messaggio ovviamente è il governo. Un governo che dopo aver molto promesso si è rivelato latitante, accusano Fim Fiom e Uilm. Nel mirino c’è il ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio, che a Termini Imerese è passato a fine ottobre, fermandosi davanti alla fabbrica per parlare con gli operai e per rassicurare, anche sulla scadenza prossima degli ammortizzatori sociali. Poi però il 31 dicembre è arrivato e per 62 lavoratori della Ssa e della Manital, due aziende dell’indotto, la Naspi è scaduta ed il rinnovo non c’è stato.

( Articolo integrale domani su Conquiste Tabloid)

( 22 gennaio 2019 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it