Martedì 21 settembre 2021, ore 20:05

Quotidiano di informazione socio‑economica

Vertenze 

Nuovi inizi 

Sei mesi in più di cassa integrazione per i lavoratori Embraco. La Curatela fallimentare ha inviato le lettere di revoca del licenziamento alle lavoratrici ed ai lavoratori ex Embraco. Fim, Fiom, Uilm e Uglm hanno annunciato di aver fermato il licenziamento dei 391 operai di Riva di Chieri, nel torinese, che avrebbero avuto effetto dal 23 luglio. Il risultato è stato raggiunto dopo gli incontri in videoconferenza dei giorni scorsi con Ministero del Lavoro, Mise, Regione Piemonte e Curatela fallimentare, e un decreto legge dell'ultimo minuto. Ora che la cig è stata prolungata, i sindacati chiedono risposte sul progetto industriale: ”Non è la fine della storia ma un nuovo inizio. Le 391 famiglie torinesi sono allo stremo, nei prossimi giorni continueremo a manifestare pubblicamente per chiamare tutti i soggetti coinvolti, a partire dal governo Draghi, ad assumere le proprie responsabilità. Scriveremo nuovamente al Governo Italiano, ai Ministeri competenti, perché si passi una volta per tutte dalle parole ai fatti. Si entri subito nella definizione di uno o più progetti industriali per ridare la dignità del lavoro a tutte e tutti i lavoratori che stanno soffrendo da troppi anni”.
E anche per la vertenza elica primo importante passo in avanti dal tavolo convocato al Mise con sindacati e azienda, che hanno condiviso l’intenzione di ridefinire un nuovo piano industriale che preveda il rafforzamento della produzione di ”alto di gamma” già presente in Italia e soprattutto il reshoring di produzioni presenti negli stabilimenti polacchi del Gruppo. Le parti si sono dati tempi stretti, per arrivare entro il 30 settembre prossimo ad un nuovo piano che scongiuri i 409 licenziamenti. Intanto, l'azienda ha assicurato che non procederà ad atti unilaterali. Soddisfatti i sindacati. ”Ora bisogna rispettare gli impegni e i tempi del nuovo piano”, sottolinea il segretario nazionale della Fims Cisl Nobis per il quale ”è importante in questa fase coinvolgere anche le Rsu nella ridefinizione del piano industriale di Elica”.
Ancora lontana, invece, una soluzione per Whirlpool. Giovedì sono arrivati a Roma a bordo di sette pullman gli operai del sito di Napoli per manifestare ”contro l'arroganza dell'azienda che ha aperto le procedure di licenziamento in barba alle richieste di sindacati Governo di utilizzare prima le 13 settimane di cassa integrazione previste dall'intesa sottoscritta da Cgil, Cisl, Uil e Confindustria con l’Esecutivo”.
La manifestazione nazionale convocata è stata accompagnata da 8 ore di sciopero, pienamente riuscito.
Afferma da parte sua la viceministra al Mise Todde: ”Le multinazionali, soprattutto se hanno ricevuto contributi e sostegni, non possano scaricare i lavoratori come i pacchi”. Todde annuncia regole più severe dopo i casi Gkn, Gianetti e Whirlpool ”anche se "bisogna rendere le aziende capaci di stare sul mercato e creare lavoro”. Le ultime vertenze, spiega la viceministra, ”sono quasi tutte legate all'automotive, le chiusure però non dipendono dalla pandemia, ma da una crisi strutturale ben visibile dai bilanci. Il punto è trovare una soluzione sostenibile che permetta ai dipendenti di trovare un posto di lavoro, non possiamo chiedere all'azienda di continuare in perdita”. Sulle multinazionali ”stiamo ragionando a uno schema che li obblighi almeno a seguire percorsi più civili. Contro le delocalizzazioni inoltre ci sono gli incentivi Mise, il Fondo Salvaguardia : è uno schema incisivo, chi accede ai fondi non può delocalizzare per 5 anni”.
Giampiero Guadagni

( 22 luglio 2021 )

Protagonisti del Novecento

L’amata Creta di Theodorakis

Con Theodorakis una grande pagina della storia della musica greca si chiude per sempre

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il 2 settembre 2021 è stata inaugurata al Museo delle Culture di Milano (MUDEC) la mostra “Disney. L’arte di raccontare storie senza tempo” 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Recensioni

Un obbrobrio da ricordare

Le leggi razziali complici dei crimini razzisti e dello stesso olocausto.  “Il regime fascista scrive Liliana Segre - fu violento, omicida, razzista e discriminatorio fin dalle origini”, “totalitario” dalle sue origini

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it