Martedì 28 maggio 2024, ore 11:57

Sociale

Cooperative sociali: sottoscritto il contratto

Sottoscritto definitivamente il rinnovo del Contratto delle cooperative sociali 2023 - 2025, tanto atteso da oltre 400mila lavoratrici e lavoratori impiegati nel settore socio-sanitario-assistenziale ed educativo. A darne notizia i sindacati di categoria Fp Cgil, Cisl Fp, Fisascat Cisl, Uil Fpl, Uiltucs. “Un grazie - affermano ancora i sindacati - va rivolto alle lavoratrici e ai lavoratori per il grande consenso registrato in centinaia di assemblee su tutto il territorio nazionale che hanno confermato l’ipotesi di rinnovo del Ccnl Coop Sociali 2023-2025 sottoscritta il 26 gennaio scorso”.
Sulla parte economica l’intesa definisce un aumento salariale a regime di 120 euro per il livello medio C1, erogato in tre tranche: 60 euro con la retribuzione di febbraio 2024, 30 euro con quella di ottobre 2024 e 30 euro a ottobre 2025. A partire dal 1° gennaio 2025 i lavoratori in forza matureranno la quattordicesima mensilità, da corrispondersi a giugno di ogni anno, pari alla metà di una retribuzione mensile, con l’impegno delle parti a raggiungerne il completamento nel prossimo rinnovo contrattuale. Gli addetti ai servizi educativi per l’infanzia inquadrati al livello D1 e gli educatori socio pedagogici in possesso di qualifica a far data dal 1° gennaio 2025 avranno inoltre diritto ad un elemento temporaneo aggiuntivo della retribuzione mensile del valore economico di 41 euro; detto importo, a partire da  settembre 2025 sarà incrementato di ulteriori 41 euro fino al raggiungimento del livello successivo D2 a partire dal 1° gennaio 2026.
Sulla parte normativa l’accordo interviene sull’ambito di applicazione e sull’inquadramento del personale, con l’inserimento di profili aggiuntivi afferenti l’ambito dell’inserimento lavorativo delle persone svantaggiare. Le parti convengono l’istituzione di una Commissione Paritetica per individuare le linee di evoluzione e di sviluppo del sistema di classificazione e valorizzazione delle professionalità.
L’intesa introduce l’Osservatorio paritetico sugli appalti e sugli accreditamenti territoriali finalizzato al monitoraggio della corretta applicazione del Ccnl da parte degli appaltatori e degli affidatari del servizio nonché dei procedimenti di gara e contrattuali posti in essere dalle stazioni appaltanti e delle procedure nel sistema degli appalti pubblici al fine si salvaguardare l’occupazione e le condizioni reddituali dei dipendenti. Sul mercato del lavoro l’intesa recepisce la normativa sui contratti a termine, prevedendo il ricorso a tale istituto per un massimo del 30%. Migliorato il trattamento economico per le lavoratrici e i lavoratori che svolgono servizi residenziali continuativi ai quali è richiesta la reperibilità con il vincolo di permanenza nella struttura, con il riconoscimento di un’indennità fissa mensile lorda di 77,47 euro oltre all’indennità di 20 euro riconosciuta per ciascuna notte con 7 ore di reperibilità. Sulla maternità l’intesa contempla a far data dal 1° gennaio 2024 l’integrazione al 100% del trattamento economico corrisposto dall’Inps nel periodo di astensione obbligatoria, prevedendo l’applicazione delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e paternità e congedi parentali. L’intesa interviene anche sui tempi di vestizione e svestizione, con il riconoscimento nell’orario di lavoro di complessivi 15 minuti. Sull’assistenza sanitaria integrativa le parti convengono sull’incremento del contributo a carico dell’impresa di ulteriori 5 euro a far data dal 1 gennaio 2025 al fine di incrementare le prestazioni di welfare erogate alle lavoratrici e ai lavoratori del comparto.
Sa. Ma.

( 6 marzo 2024 )

La Biblioteca Ambrosiana

Uno scrigno prezioso

Oggi conta circa un milione di volumi a stampa, soprattutto di fondo antico (incunaboli e cinquecentine), e trentacinquemila manoscritti

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il passato remoto è il tempo ideale della narrazione e non a caso nelle coniugazioni verbali greche e latine veniva chiamato “perfetto”

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

L’uomo giusto al momento sbagliato

La storia di Vincenzo Tiberio, il medico italiano che primo fra tutti, nel 1895, quindi 34 anni prima di Alexander Fleming, scoprì l’impor tanza di alcune muffe e sperimentò il loro potere antibiotico

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it