Venerdì 12 aprile 2024, ore 18:04

Tecnologia

Città intelligenti in Italia, entro il 2027 giro d’affari a quota 1,6 miliardi di euro

A guardare oggi le nostre ”povere” città viene da ridere (per non dire altro) eppure gli esperti e i ricercatori dicono che l’avvento del nuovo mondo è dietro l’angolo. Ora lo attesta anche una ricerca realizzata da Tim, Cnr e Politecnico di Milano sul futuro e sullo sviluppo delle città intelligenti. Ebbene, entro il 2027, ovvero entro cinque anni, ”il giro d'affari delle soluzioni per le città intelligenti, quelle cioè in cui le reti e i servizi tradizionali sono resi più efficienti attraverso l'uso delle tecnologie digitali, dovrebbe di fatto raddoppiare sia a livello nazionale che internazionale”. Dati alla mano i ricercatori fotografano il trend e se, nel 2022, ”il mercato globale delle smart city valeva 500 miliardi di dollari e in quello italiano gli investimenti si attestavano a 800 milioni di euro, nel 2027 le cifre dovrebbero salire rispettivamente a mille miliardi di dollari e 1,6 miliardi di euro”. Il rapporto Tim, Cnr e Politecnico di Milano assicura anche che ”i dispositivi per le città intelligenti installati a livello globale - che vanno dall'illuminazione pubblica ai sistemi di parcheggio, passando per le telecamere di sorveglianza e i servizi di trasporto urbano e di gestione dei rifiuti - raggiungano già nel 2023 quota 399 milioni, per poi toccare i 500 milioni nel 2025”. Un giro di affari che porta anche a smuovere i comuni che stanno iniziando a progettare Smart City . Secondo la ricerca presentata, nel periodo 2023-27, le applicazioni Smart City basate su 5G, IoT e Intelligenza Artificiale in Italia contribuiranno a ridurre complessivamente di circa 6,5 miliardi di euro i costi del traffico cittadino e di oltre 400 milioni di euro quelli legati all'inquinamento urbano grazie a una migliore programmazione del trasporto, pubblico e privato, e dei flussi turistici. £Le nuove tecnologie consentiranno inoltre una riduzione annuale di circa 650 mila tonnellate di emissioni di CO2, ad indirizzare l'industria del turismo e ad ottimizzare i servizi per i cittadini”, dicono i ricercatori. Ma quali sono i benefici concreti dell’avvento delle città intelligenti? Non pochi a ben vedere. Almeno cinque i vantaggi su cui gli esperti metterebbero la mano sul fuoco: il primo, come già detto, sono i 6,5 miliardi di euro di risparmi legati al traffico cittadino e 3 miliardi di risparmi legati agli incidenti stradali; il secondo vantaggio sarebbero i 405 milioni di euro di risparmi legati all'inquinamento grazie alla migliore programmazione dei mezzi pubblici; il terzo invece sarebbe la riduzione di di circa 650 mila di tonnellate l'anno delle emissioni di CO2; il quarto vantaggio invece sarebbe la diminuzione di 1,95 miliardi di euro dei costi dell'illuminazione pubblica e l’ultimo vantaggio, ma non ultimo, sarebbe la diminuzione di circa 160 milioni di euro dei costi di raccolta e trasporto rifiuti. Un totale che a conti fatti dovrebbe incoraggiare qualsiasi amministratori e cittadino a firmare subito per la realizzazione delle smart city.
An. Ben. 

( 15 marzo 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Nel “Discorso sul metodo” Cartesio non fissa solo sul modello delle matematiche i principi del conoscere ma anche quelli della morale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un romanzo fatto di antieroi

Marco Lodoli torna in libreria con il suo nuovo attesissimo romanzo. Ambientato in un Liceo di periferia, la storia narra di una bidella che si innamora perdutamente del nuovo professore di Lettere

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Piero della Francesca. Il polittico agostiniano riunito

In mostra al Museo Poldi Pezzoli-Milano, per la prima volta nella storia, otto tavole provenienti da cinque musei internazionali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it