Domenica 23 giugno 2024, ore 4:33

Alluvione

Emilia-Romagna in ginocchio, ma pronta a rimboccarsi le maniche

L’alluvione in Romagna non si ferma. Continua a piovere e sono attesi ancora passaggi di piene dei fiumi. Resta l’allerta rossa per criticità idrauliche su pianura e collina bolognese; bassa collina, pianura e costa romagnola. Oltre 200 le strade totalmente chiuse, circa 160 parzialmente; oltre 280 le frane, di cui 120 particolarmente importanti in 58 comuni; 23 i fiumi e corsi d’acqua esondati, 13 quelli che hanno superato il livello di allarme. Risultano totalmente chiuse 544 strade tra comunali e provinciali, di cui 224 chiuse parzialmente. Complessivamente 255 a Bologna, 128 in provincia di Forlì-Cesena, 127 nella provincia di Ravenna e 34 nel riminese.

In questo disastro senza fine, 15mila persone hanno dovuto lasciare la propria casa e di queste 8mila sono ospitate nelle strutture d’accoglienza, mentre proseguono le operazioni per mettere al sicuro chi si trova in abitazioni a rischio con l’impegno di 900 vigili del fuoco, di cui 562 arrivati da fuori regione, dotati di oltre 125 automezzi. In volo tutto il giorno sono anche quattro elicotteri del 118 per l’evacuazione di persone fragili. Accanto oltre 700 volontari della protezione civile sono al lavoro per portare soccorso alla popolazione. Oltre a quelli emiliano-romagnoli, se ne contano circa 374 che appartengono alle colonne mobili delle Regioni Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Umbria, Lazio, Toscana oltre che delle Province Autonome di Trento e Bolzano; 140 quelli appartenenti ad associazioni nazionali di protezione civile. Nei centri di accoglienza (palazzetti dello sport o edifici predisposti dalla protezione civile) allestiti dai Comuni per le persone ospitate oltre ai beni di prima necessità, come cibo ed indumenti, è predisposta l’assistenza medica necessaria con medici di medicina generale, mentre sono in arrivo da tutta l’Emilia-Romagna i primi psicologi specializzati nella gestione di emergenze come questa. Sull’esempio dell’esperienza maturata nel supporto ai profughi provenienti dall’Ucraina, è stato attivato il sostegno per le condizioni di fragilità, mentre da lunedì il servizio sarà esteso a tutta la popolazione interessata. I servizi sanitari sono assicurati anche nelle aree più difficili da raggiungere con l’uso di elicotteri e mezzi anfibi, tra cui due ambulanze anfibe.

Da venerdì 19 maggio, è attivo il numero verde per l’emergenza alluvione: 800024662 sette giorni su sette dalle 8 alle 20. Fornisce risposte alle domande legate all’emergenza in corso: quando verrà riattivata la corrente elettrica? Come faccio a raggiungere il paese dei miei parenti? Ho bisogno di generi di prima necessità, mi aiutate? Ed anche: come posso dare una mano o diventare volontario di protezione civile o donare cibo, coperte, denaro alle persone alluvionate?

Infine, “Un aiuto per l’Emilia-Romagna”: è la raccolta fondi, lanciata dalla Regione per sostenere le comunità colpite e dare risposta alle molte persone che hanno chiesto di poter essere d’aiuto, anche versando un contributo. In un solo giorno numerosi cittadini ed imprese si sono mobilitati: raggiunti 300mila euro grazie a 3.721 donatori. Si stanno per aggiungere le molte donazioni già comunicate, fra cui quelle di Gruppi come Ferrari (1 milione di euro), società di calcio come il Bologna FC, Confederazioni nazionali Cgil, Cisl e Uil.

Chiunque può partecipare alla raccolta, utilizzando il conto corrente intestato all’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile dell’Emilia-Romagna, con queste coordinate bancarie: IT69G0200802435000104428964 Causale: ALLUVIONE EMILIA-ROMAGNA

Per donazioni dall’estero Codice BIC SWIFT: UNCRITM1OM0

Per agevolare le donazioni, chi intende versare sul conto corrente indicato può utilizzare anche questa intestazione abbreviata: AGENZIA REGIONALE SIC.T. PROTEZIONE CIVILE EMILIA ROMAGNA

Come è stato fatto per tutte le precedenti raccolte fondi (ricostruzione post sisma, emergenza Covid, emergenza Ucraina) ogni euro raccolto e l’utilizzo che ne verrà fatto, saranno resocontati pubblicamente.

Ileana Rossi

( 19 maggio 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Una mostra celebra la convergenza tra letteratura e arti visive nella figura del poeta Giuseppe Ungaretti

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Una storia stratificata

Livello su livello si può scendere nelle sue viscere e salire fino al cielo che la sovrasta, dal decumano meno frequentato e conosciuto fino alla Napoli sotterranea

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Troppi vizi e poche virtù

Il quadro variegato di una giostra di personaggi, in cui “la Roma bene” ne esce come la vera sconfitta

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it