Sabato 15 giugno 2024, ore 16:27

Lavoro

Ex Whirlpool: Green Factory presenta piano industriale a sindacati

Ottantatre milioni di euro, di cui 72 milioni per l'industrializzazione del nuovo stabilimento e per l'acquisto dei macchinari, mentre 11 milioni sono destinati a progetti di ricerca e sviluppo strutturati in un centro di ricerca che in prospettiva potrà collaborare con l'università di Napoli e con gli ITS per progetti di collocazione di personale altamente qualificato”. Il segretario nazionale della Fim Cisl Massimiliano Nobis ed il segretario generale della Fim Cisl di Napoli, Biagio Trapani sono soddisfatti di come stanno procedendo i lavori del piano di reindustrializzazione della fabbrica ex Whirlpool di via Argine a Napoli confermato nel corso dell’incontro tra le organizzazioni sindacali e Felice Granisso, ceo di Italian Green Factory (gruppo Tea Tek. “Un dato importante ma non scontato. La produzione - spiegano Nobis e Trapani - sarà suddivisa tra elementi di componentistica che avrà fornirà il mercato degli inseguitori solari e il prodotto finito degli power skids e entrerà a regime da gennaio 2026.Un progetto industriale che guarda al mercato della transizione energetica e che potrà avere una prospettiva di mantenimento occupazionale di lungo termine. La direzione ha altresì comunicato che è possibile che nel prossimo mese si possa allargare il processo interno produttivo con un'attività di carpenteria, che potrebbe portare ulteriori investimenti e assunzioni. La conferma della realizzazione di questo piano denominato "piano di accelerazione" si avrà entro la fine del prossimo mese. Dal punto di vista del nuovo asset societario è stato confermato quanto comunicato nell'ultimo incontro al Mimit che prosegue la valutazione di un possibile ingresso di Invitalia. Il progetto quindi potrebbe essere sostenuto sia dal Fondo Salvaguardia Imprese che dal Contratto di Sviluppo”. E soddisfatto dei pareri favorevoli delle organizzazioni sindacali nazionali e territoriali sul progetto di sviluppo è anche Granisso per il quale “si sta lavorando in maniera convinta per accelerare sui finanziamenti. Nel frattempo, i lavori a via Argine vanno avanti ed è stato abbattuto il primo dei quattro capannoni. Siamo pronti a fare ulteriori step e tutta la forza del gruppo Tea Tek è in campo per partire quanto prima. Contiamo di mettere al più presto i lavoratori sulle linee di produzione: è nostro interesse accelerare perché già crescono le richieste degli ordini di power skid. Auspichiamo che le trattative per l'acceleration plan vadano a buon fine, anche in funzione di un incremento della produzione che limiti l'uso di ammortizzatori sociali e crei anche nuova occupazione”. Prossimo step quindi sarà la convocazione in sede ministeriale la convocazione in sede ministeriale “per la definizione dell'accordo quadro che dovrà confermare i contenuti del piano industriale, l'impegno delle istituzioni locali sulle materie di loro competenza e la definizione dei termini con cui il Mimit sosterrà lo sviluppo e consolidamento del progetto di reindustrializzazione - concludono Nobis e Trapani. E’ stato compiuto un altro passo importante verso il ritorno alla piena occupazione in via Argine” .
Raffaella Cetta

( 19 aprile 2024 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

L'800 Lombardo, da Hayez a Previati in mostra a Monza Orangerie-Villa Reale e Musei Civici

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Giuseppe Mazzini e Silvestro Lega, vite del Risorgimento

Una mostra al Vittoriano accosta queste figure eccezionali del nostro Ottocento

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Cercare la vita in maniera vorace

È variegata l’umanità raccontata da Di Consoli, tanti i personaggi che fanno da sfondo a questi suoi racconti poetici, molti incontrati di notte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it