Domenica 14 agosto 2022, ore 11:16

Trasporto aereo

Ita: la cordata è Msc-Lufthansa, ma aggiudicazione è incerta

Msc-Lufthansa è la cordata con la quale avviare le trattative in esclusiva per la privatizzazione di Ita Airways. E’ stata scelta dal ministero del Tesoro che invece ha scartato l'altra opzione, rappresentata dal fondo statunitense Certares, alla quale fa capo anche AirFrance-Klm.
Resta comunque il nodo della finalizzazione dell'operazione di cessione.  La valutazione sarebbe stata inoltre trasmessa a Palazzo Chigi che ora dovrà avviare una trattativa in esclusiva. Eppure, malgrado l'operazione rientri tra gli affari correnti dell'esecutivo, gli esperti ritengono che occorra assumere un atteggiamento prudenziale in attesa che si insedi il nuovo Governo.
"Dal punto di vista giuridico, ma anche politico - afferma Vincenzo De Sensi, docente di Diritto delle crisi d'impresa all'università Luiss di Roma - sarebbe meglio assumere un atteggiamento di prudenza e sospendere la vendita in attesa che il nuovo Governo confermi o meno la vendita. 
Io sarei per congelare l'operazione anche perché un eventuale patto parasociale dovrebbe stabilire se e quale quota il Mef dovrebbe mantenere. Se la questione è giuridica, è prudente congelare, ancora di più sotto il profilo politico".
"Da un punto di vista di politica industriale - aggiunge De Sensi -, questo è un ulteriore esempio del fatto che non
riusciamo ad avere dei player industriali che ci aiutino a mantenere posizioni in settori strategici".
Sindacati molto preoccupati per le sorti della compagnia di bandiera alla luce della caduta del Governo Draghi, chiedono garanzie sul Piano industriale del vettore. 
"È ormai indifferibile che giunga a conclusione il processo di scelta del partner per Ita Airways - hanno dichiarato Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo al termine dell'incontro di lunedì scorso al Mims sul Trasporto aereo - in modo da consentire permetta l'ingresso di nuovi capitali privati che, insieme alla presenza strategica dello Stato italiano, possano sviluppare l'azienda sul piano industriale in assenza del quale ci sarebbero effetti gravissimi sul sistema Paese e sulla compagnia di bandiera".
Secondo le organizzazioni sindacali "è indispensabile affrontare e risolvere le questioni poste per tutto il settore e rispettare gli impegni assunti dal piano industriale di Ita in termini di sviluppo della flotta e di occupazione. 
Le garanzie di continuità industriale, devono riguardare anche il ramo handling di assistenza a terra, le attività di manutenzione ed il call center".
"A differenza degli altri paesi europei in Italia il settore del trasporto aereo - affermano infine Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl Trasporto Aereo - ha tenuto meglio in termini di efficienza e operatività, soprattutto grazie agli enormi sacrifici che si sono caricati sulle spalle  tutti i  lavoratori del settore. In questo momento un blocco delle attività in corso e del piano industriale sarebbe un disastro - concludono - per l’intero  settore"
Ce.Au.

 

( 29 luglio 2022 )

Libri

Gioia del palato... e non solo

Il cibo non è soltanto gioia del palato, ma espediente per ricordare, collocare, identificare: i sapori in determinati contesti contribuiscono a rafforzare immagini, fisiche o mentali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il rovescio della medaglia della nuova ondata di ossigeno che risolleva il nostro turismo ha la faccia degli italiani per i quali le ferie resteranno un miraggio

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Protagonisti del Novecento

Marilyn nella Guerra Fredda

Tutta la carriera di Marilyn Monroe, si consumò nella fase più acuta della Guerra Fredda. Nel 1954, era a Seul, per intrattenere i Marines che combattevano in Corea

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it