Domenica 14 agosto 2022, ore 10:52

Tecnologia

Le Big Tech investono sulla sanità. Amazon punta sulla medicina 4.0

I viaggi nello spazio, le città intelligenti, la macchine a guida autonoma. E adesso anche la medicina. Le Big Tech esplorano tutti i settori a maggiore interesse finanziario e di crescita. Questa volta tocca ad Amazon annunciare una nuova mossa a suon di miliardi di dollari. Jeff Bezos ha infatti deciso che Amazon deve espandersi anche al settore sanitario e non ha perso tempo firmando un accordo da 3,9 miliardi di dollari per l'acquisto del 100% di One Medical, società con sede a San Francisco e quotata in borsa. 
È quanto annunciano le società in una nota congiunta, nella quale viene messo in evidenza che - una volta completata l'operazione - Amir Dan Rubin resterà amministratore delegato di One Medical. La società finita nell’interesse di Amazon è specializzata in telemedicina e dispone di ”una rete di 188 ambulatori privati negli Stati Uniti, che contano su 767 mila pazienti che accedono a servizi medici virtuali pagando un abbonamento annuale di 199 dollari”. Per Amazon, colosso dell'e-commerce, non è comunque la prima iniziativa in ambito sanitario. ”Nel 2019 l'azienda di Seattle ha lanciato Amazon Pharmacy per la vendita online di farmaci, e poi Amazon Care, una rete di cliniche virtuali con possibilità di visite a domicilio. Questo servizio è stato inizialmente reso disponibile ai dipendenti Amazon, prima di offerto anche ad altre aziende americane”. Del resto quello medico sanitario è uno dei settori a più alta potenzialità di sviluppo proprio per la combinazione tra medicina e innovazione tecnologica. Ad esempio, in Italia, dai biosensori ai pacemaker, il settore della tecnologia applicata alla medicina genera un mercato che vale 16,2 miliardi di euro ed è cresciuto anche nel 2021. Il tasso di crescita del fatturato, rispetto al 2020, ha toccato il 6,4% contro una crescita mondiale del 5,6%. Numeri che rendono il nostro Paese il sesto esportatore in Europa e il tredicesimo a livello mondiale. Il settore Medtech, in Italia, è costituito da 4.546 aziende in cui lavorano 112.534 dipendenti, secondo i dati di Confindustria Dispositivi Medici. Dai dispositivi microscopici ai grandi macchinari, la tecnologia applicata alla sanità consente di eseguire interventi da remoto, di variare la dose di raggi usati per la cura del tumore sulla base del paziente, di monitorare a distanza l'aderenza a trattamenti farmacologici. La tecnologia consente di conoscere i problemi nel dettaglio di ogni singolo malato. Il medico di domani deve saper lavorare con le nuove tecnologie, essere in grado di seguire il paziente dal punto di vista clinico e umano, ma deve anche essere ingegnere per gestire diagnosi e terapie con i macchinari, così come avere una preparazione che lo metta in grado di affrontare questioni etiche. Nei prossimi anni, questo grande interesse si tradurrà in acquisizioni e le fusioni: e i grandi gruppi big tech saranno in prima fila. 
An. Ben. 

( 27 luglio 2022 )

Libri

Gioia del palato... e non solo

Il cibo non è soltanto gioia del palato, ma espediente per ricordare, collocare, identificare: i sapori in determinati contesti contribuiscono a rafforzare immagini, fisiche o mentali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il rovescio della medaglia della nuova ondata di ossigeno che risolleva il nostro turismo ha la faccia degli italiani per i quali le ferie resteranno un miraggio

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Protagonisti del Novecento

Marilyn nella Guerra Fredda

Tutta la carriera di Marilyn Monroe, si consumò nella fase più acuta della Guerra Fredda. Nel 1954, era a Seul, per intrattenere i Marines che combattevano in Corea

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it