Domenica 14 agosto 2022, ore 11:38

Tecnologia

Mobilità elettrica, nella classifica Ue l’Italia in ritardo sulle infrastrutture

Cresce la domanda di mobilità elettrica in Italia e in Europa. I consumatori iniziano a pensare, sempre più concretamente, che è arrivato il momento di un cambio di veicolo in nome della sostenibilità delle nostre città e della protezione ambientale ma sono diversi i fattori critici che ne congelano la domanda a partire dal fatto che mancano ancora le infrastrutture di ricarica. Secondo l’ultima indagine di PwC, il 65% degli italiani intervistati per lo studio eReadiness acquisterebbe infatti una vettura elettrica o ibrida nei prossimi due anni. Il 31% resta invecescettico. La propensione all’acquisto, però, non si traduce nei fatti: nel 2022, la percentuale di vendite di auto elettriche si è attestata a circa il 9% delle immatricolazioni complessive, sotto la media europea e contro l’88% della Norvegia. Uno dei principali è l'assenza di infrastrutture di ricarica: le colonnine elettriche sono ancora troppo poche, soprattutto per le strade delle città. A livello europeo, I talia e Spagna sono in fondo alla classifica dei Paesi europei come diffusione di vetture elettriche o ibride, principalmente a causa del ritardo nello sviluppo di un'adeguata infrastruttura di ricarica e l'elevato costo delle vetture. Lo studio di eReadiness di PwC Strategy& ha intervistato 4,600 consumatori patentati in 7 Paesi europei, Italia, Francia, Germania, Norvegia, Regno Unito, Spagna e Svizzera. Nei primi 6 mesi del 2022, infatti, la percentuale di vendite di vetture completamente elettriche o ibride plug-in in Italia e Spagna si è attestata a circa il 9% delle immatricolazioni complessive, rispetto all'88% della Norvegia e a una quota compresa tra il 20 e il 25% negli altri Paesi oggetto di analisi. E, secondo la ricerca, la causa è da ricercare nella mancanza di una infrastruttura sviluppata in Paesi come Italia e Spagna. La ricerca, infatti, ha preso in considerazione quattro dimensioni, cioè il supporto degli incentivi governativi, l'infrastruttura di ricarica l'offerta di modelli elettrici e la domanda da parte dei consumatori. E i risultati rispecchiano le vendite. La Norvegia, infatti, è prima in classifica tra i Paesi europei, con il punteggio maggiore su tutte e quattro le aree di indagine, mentre la Svizzera si classifica seconda per maturità, con un discreto livello di infrastruttura di ricarica pubblica. Regno Unito e Germania seguono a poca distanza, mentre la Germania, rispetto al Regno Unito, mostra una maggiore penetrazione dell'elettrico. A chiudere la classifica, troviamo, per l’appunto, l'Italia e la Spagna, principalmente a causa della scarsa disponibilità di infrastrutture di ricarica. Buone notizie invece dal rinnovo in senso ecologico e sostenibile del parco macchine ibride e a emissioni zero del trasporto pubblico locale su tutto il territorio italiano anche se con la solita cartina a macchia di leopardo. 
An. Ben. 

( 25 luglio 2022 )

Libri

Gioia del palato... e non solo

Il cibo non è soltanto gioia del palato, ma espediente per ricordare, collocare, identificare: i sapori in determinati contesti contribuiscono a rafforzare immagini, fisiche o mentali

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il rovescio della medaglia della nuova ondata di ossigeno che risolleva il nostro turismo ha la faccia degli italiani per i quali le ferie resteranno un miraggio

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Protagonisti del Novecento

Marilyn nella Guerra Fredda

Tutta la carriera di Marilyn Monroe, si consumò nella fase più acuta della Guerra Fredda. Nel 1954, era a Seul, per intrattenere i Marines che combattevano in Corea

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it