Venerdì 1 luglio 2022, ore 21:31

Breaking News

Abusi, Zuppi: ho letto inchieste che demoliscono studio francese
"Dal 2000 abbiamo dati sicuri"

Città del Vaticano, 24 giu. (askanews) - Il cardinale Matteo Zuppi, presidente della Cei, cita "tre inchieste di docenti universitari" che "demoliscono" il rapporto della commissione indipendente francese sugli abusi sessuali nella Chiesa cattolica, e difende, in una intervista con i principali quotidiani italiani, la scelta dell'episcopato italiano di limitare un'inchiesta storica ai soli abusi avvenuti dal 2000, anziché dalla fine della seconda guerra mondiale come avvenuto in Francia, Germania, Stati Uniti ed altri paesi, e ai soli dati conservati presso la congregazione vaticana per la Dottrina della fede e relativi, dunque, ai processi canonici arrivati a Roma.

"Dal 2000 abbiamo dati sicuri, quelli della Dottrina della Fede", afferma il porporato romano. "Sulla ricerca in Francia mi hanno mandato tre inchieste di docenti universitari che la demoliscono". Lo studio sarà "qualitativo", spiega Zuppi, nel senso che intende "distinguere i numeri grezzi, capire le differenze".

Quanto al secondo report relativo agli abusi negli ultimi due anni in base ai dati dei centri di ascolto diocesani, Zuppi contesta l'idea che non siano dati indipendenti: "Ma sono indipendenti. A Bologna sono tutte donne, professioniste, guidate da una psichiatra".

( 24 giugno 2022 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Mescolando la ragione e il sentimento La Capria nella sua opera ha narrato una cosmogonia della vita quotidiana, fondata sull’uso del senso comune, e dominata dalla costante presenza del mare

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

L'epica di Raffaele Nigro

 Il cuoco dell’Imperatore edito da La Nave di Teseo, cade a 35 anni dal premio Campiello che lo scrittore di Melfi si aggiudicò nel 1987

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Addio a Raffaele La Capria

Lo stupore della bellezza

"La bellezza ha in sé un valore morale oltre che estetico, che è un bene per lo stupore e la meraviglia che suscita in noi"

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it