Lunedì 28 novembre 2022, ore 18:28

Superbonus, Capaccioli (Asacert): dl aiuti mette toppa ma non basta
"Serve un vero rilancio"

Roma, 15 lug. (askanews) - "Con l'approvazione al Senato del ddl di conversione del Decreto Aiuti si mette una toppa, anche se con grave ritardo, per consentire al Superbonus 110% di sopravvivere". Così Fabrizio Capaccioli, AD di Asacert e vicepresidente di Green Building Council Italia, commenta la decisione del Parlamento di allargare le maglie della cessione del credito per gli istituti bancari e di prorogare di tre mesi le scadenze di accesso ai bonus edilizi per le case unifamigliari.

"Sono misure che il settore dell'edilizia invocava da tempo e che arrivano miracolosamente nel mezzo di una crisi di governo che non porta nulla di buono al Paese. Servirebbe, proprio ora, la stabilità assoluta del quadro istituzionale per consentire al settore di continuare a crescere e superare i problemi congiunturali che rischiano di bloccare le imprese".

"Le misure approvate ieri - continua Capaccioli - non solo sono in colossale ritardo rispetto alle richieste del comparto ma rischiano di non incidere a sufficienza. Manca una visione strategica e la consapevolezza da parte di una politica senza prospettive, che il Superbonus rappresenta una delle leve maggiori non solo per il rilancio dell'economia - come le recenti indagini di mercato dimostrano - ma anche uno strumento che sta, purtroppo ancora lentamente, rigenerando il patrimonio edilizio italiano, vecchio ed energivoro. Stiamo parlando di una svolta ecologica di grande portata e non possiamo permettere che si fermi a seguito di una crisi di governo".

( 15 luglio 2022 )

Mostre

La Pradella della Pala Oddi

Realizzata per l’altare della famiglia Oddi nella chiesa di San Francesco al Prato, tra il 1502 e il 1504, è una delle tre importanti commissioni che il giovane Raffaello, non ancora ventenne, riceve a Perugia

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Ennio Flaiano se n’è andato 50 anni fa, e il vuoto che lascia si allarga in maniera direttamente proporzionale all’inadeguatezza della congerie pseudoculturale che imperversa da allora. Peccato per chi è venuto dopo, che un Flaiano non l’ha più avuto

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Un amore settecentesco

Un saggio sul sodalizio sentimentale e intellettuale tra Voltaire e Émilie du Chatelet

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it