Giovedì 22 febbraio 2024, ore 2:57

Lavoro

Banche: sindacati presentano piattaforma per il rinnovo

Banche al servizio del Paese, per il rilancio dell'occupazione, delle retribuzioni, dei diritti e per il rispetto della dignità di chi lavora. Con questo focus, oggi a Roma, Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin hanno presentato la Piattaforma per il rinnovo del contratto del credito, redatta e approvata dai competenti organismi delle organizzazioni sindacali del settore. Il documento, già approvato dalle organizzazioni sindacali lo scorso 7 aprile e ieri al vaglio degli attivi unitari, sarà votato nelle prossime settimane dalle assemblee dei circa 280mila lavoratori delle banche interessati da questo rinnovo. Il "via libera" da parte delle assemblee rappresenterà l'ultimo atto ufficiale che precederà l'avvio formale del negoziato per rinnovare il contratto collettivo.
 "Il fine principale della piattaforma - ha dichiarato Domenico Iodice,  segreteria nazionale First Cisl - è implementare e rafforzare il ruolo della contrattazione collettiva come sede regolativa del rapporto di lavoro, al servizio della persona".  "Non possiamo accettare - ha aggiunto - un modello di rapporto di lavoro in cui le aziende pretendano di regolare temi così centrali nel rapporto diretto con i  lavoratori. C'è il rischio di separare, in questo modo, le persone une dalle altre, e soprattutto nell'attuale fase della transizione digitale e ambientale occorre un ulteriore slancio della partecipazione - ha concluso Iodice - per garantire una transizione giusta, che non generi scarti e garantisca la socialità". 
In dieci punti alcuni dei contenuti e dei principi cardine della piattaforma rivendicativa unitaria: 1. Rafforzare e ampliare il perimetro di applicazione del contratto e l'area contrattuale; 2. Mettere un freno a esternalizzazioni e cessioni di rami d'azienda; 3. Riconoscere alle lavoratrici e ai lavoratori un importante e giusto adeguamento retributivo tabellare, che tenga conto sia delle dinamiche inflattive del triennio 2023-2025, sia della redistribuzione della maggiore produttività, e che inoltre preveda, in pari misura, la rivalutazione di tutte le altre voci economiche (scatti, diarie, indennità, borse di studio) e valorizzi anche la retribuzione indiretta e differita; 
4. Rendere equilibrato e sostenibile il rapporto tra retribuzione fissa e variabile, contrattata e discrezionale; 5. Condividere e monitorare, in un costante confronto tra le parti, la realizzazione dei processi di innovazione digitale e tecnologica per governarne i vari processi e gli impatti sulle modalità di svolgimento delle prestazioni e sull'organizzazione del lavoro. E ancora: 6. Assicurare chiarezza normativa su Lavoro Agile e Telelavoro, garantendo il diritto di fruizione a tutte e a tutti, sempre nell'ottica della volontarietà, tramite soluzioni definite nell'ambito della contrattazione collettiva; 7. Normare efficaci presidi contrattuali per contrastare le sempre piu' invasive e pericolose pressioni commerciali che hanno effetti devastanti su chi lavora e sulla clientela, allargando la portata di questi aspetti in riferimento alla salute e al benessere lavorativo; 8. Ampliare le tutele normative, sia sul piano disciplinare che per responsabilità verso terzi: troppo spesso le lavoratrici e i lavoratori pagano e subiscono sanzioni in conseguenza di pressioni commerciali e per inefficienze organizzative delle aziende; 9. Estendere il perimetro dei diritti sociali, anche in un'ottica di piena attuazione delle politiche di genere, di parità e inclusione e di riconoscimento della genitorialità. Ultimo punto, infine, rafforzare la portata e l'efficacia della contrattazione collettiva, anche con demandi chiari al secondo livello.
Ce.Au.

( 3 maggio 2023 )

Mostre

Un antropologo che fa il fotografo

Al MUDEC Milano una coloratissima monografica dedicata a Martin Parr

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Filosofia

Schopenhauer: l’età del disincanto

C’è una via d’uscita dal dolore in cui versa la condizione umana, di cui tutti soffrono indipendentemente dalle circostanze esterne e dalla posizione sociale?

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Una bussola orientativa

Per la collana Voci, Treccani libri presenta il saggio di Claudio Magris, analisi della narrativa come forma letteraria tra la fine del XIX e la metà del XX secolo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it