Mercoledì 20 gennaio 2021, ore 16:48

Quotidiano di informazione socio‑economica

45 anni di “Repubblica”

di Lello Gurrado

Quando, il 14 gennaio di 45 anni fa, apparve in edicola il primo numero de “La Repubblica” la sorpresa venne dal formato. Il quotidiano non si presentava come i giornaloni di allora, noti come giornali “lenzuolo”, ma nel formato “berlinese”. La differenza sta nel fatto che il “lenzuolo” è lungo 55 centimetri, mentre il “berlinese” arriva a 48. Minore anche la larghezza della pagina, per cui se i quotidiani tradizionali presentavano le classiche 9 colonne, “Repubblica” ne aveva soltanto sei.
Ma le caratteristiche non si fermavano qui. Il quotidiano non usciva tutti i giorni della settimana, ma soltanto da martedì a domenica. Nessuna edizione il lunedì per un certo snobismo nei confronti dello sport, giudicato un argomento poco degno di un quotidiano che trattava solo grandi temi. Una decisione sbagliata che Scalfari, direttore e fondatore del giornale, ebbe il coraggio di rinnegar. Nel 1979 “Repubblica” uscì anche il lunedì, occupandosi di sport. E non solo: per farlo assunse il giornalista sportivo più famoso: Gianni Brera. Incominciò allora il periodo d’oro del giornale che in breve scalò la classifica delle vendite, arrivando a una tiratura giornaliera di 700 mila copie.
Nel corso di 45 anni “Repubblica” ha avuto cinque direttori. Il primo, Eugenio Scalfari, rimase in sella per vent’anni, fino all’aprile del 1996 quando lasciò il posto a Ezio Mauro che lo diresse a sua volta per vent’anni per poi passare il testimone a Mario Calabresi che assunse la carica nel 2016. La sua direzione però durò poco. Nel 2019 venne sostituito da Carlo Verdelli. Breve anche quest’ultima direzione: il 20 aprile del 2020 il suo posto venne preso da Maurizio Molinari, già direttore della “Stampa”, per volere della famiglia Agnelli, da poco diventata proprietaria di “Repubblica”.
È cambiato qualcosa? Cambierà qualcosa nella linea editoriale di questo giornale di area socialista riformista nato 45 anni fa? C’è chi lo teme e chi lo spera. Di certo alcune firme hanno lasciato la testata, approdando in altri lidi, ma sono rimasti tantissimi fuoriclasse del giornalismo e in loro bisogna avere fiducia.
Lello Gurrado

( 14 gennaio 2021 )

Mostre

Tiepolo, il padrone dei colori

Alle Gallerie d’Italia a Milano, una grande mostra fino al 21 marzo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Eventi

Milano Fahion week men’s

Chiude domani un evento attesissimo in cui i più importanti brand a livello mondiale mettono in scena i loro ambitissimi capi di alta sartoria per le stagioni Autunno/Inverno

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Un’arte nuova  a Napoli

L’originalità dell’arte modernista a Napoli, nel periodo che va dal 1889 al 1915, sono al centro della stupenda mostra “Napoli Liberty. N'aria 'e primmavera” alle Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano a cura di Luisa Martorelli e Fernando Mazzocca e con l’allestimento di Lucia Anna Iovieno, visitabile sino al 24 gennaio 2021

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it