Venerdì 7 ottobre 2022, ore 11:30

Libri

Gioia del palato... e non solo

di ISABELLA VILLI

Diciamo pure che il cibo ha assunto uno status speciale (soprattutto mediatico) negli ultimi 20 anni, in cui si sono moltiplicati programmi televisivi, canali dedicati, libri di genere. Un tempo non era così: si mangiava per necessità, non per piacere, la porzione doveva essere abbondante, non certo un assaggio risicato, la cucina era quella della tradizione basata su prodotti locali e di stagione, ora invece è gourmet e tende a mischiare, in modo a volte improbabile, ingredienti esotici e biologici. Oggi il cibo è un vero business e lo chef un vero imprenditore (anche di se stesso, se stellato). Che sia un vantaggio o uno svantaggio non saprei dire, credo comunque che al cibo sia data troppa importanza rispetto a quanta ne meriti davvero.

Anche Erri De Luca cede alla tentazione di parlare di cibo, ma lo fa a modo suo, con un’opera particolare. Se la copertina fa pensare a un libro di cucina (che chiaramente non è, anche se alla fine c’è una breve sezione con alcune ricette), non si tratta neanche di spiegare quali sono le ricette per la felicità.

Il cibo non è soltanto gioia del palato, ma espediente per ricordare, collocare, identificare: i sapori in determinati contesti contribuiscono a rafforzare immagini, fisiche o mentali, riproducendo sensazioni e suggestioni. L’autore così, attraverso alcuni alimenti, ricette o atmosfere gastronomiche, ci racconta episodi dell’infanzia, scalate in montagna, scene di guerra e lotte di classe. I cibi familiari, simboli della tradizionale cucina napoletana, offrono la possibilità di ricordare i pranzi della domenica con la pasta al ragù o un compleanno da festeggiare con la torta alle fragole.

Torna così quella temperie tutta proustiana: la parmigiana di melanzane di casa De Luca ha lo stesso potere evocativo della madeleine di Proust, poiché un sapore ha la forza di riportarci nel passato per rivivere con nostalgia le emozioni di un tempo andato che non tornerà.

Molto poetica è la confessione dell’autore riportata sulla quarta di copertina: comprare il pane ad un forno e bere l’acqua di una fontana per imprimere nella memoria il posto visitato; il sapore dell’acqua e la tipologia del pane caratterizzano, spesso in maniera univoca, un luogo. Anche il caffè (a cui è dedicato un racconto) cambia molto a seconda del luogo e, si sa, l’espresso per noi italiani rappresenta un marchio di fabbrica. Viaggiare dunque può regalare emozioni uniche a livello sensoriale, e il cibo è grande protagonista nel turismo in genere.

La particolarità del libro sta nell’intramezzare la poeticità di tanti ricordi agli illuminanti consigli alimentari snocciolati da Valerio Galasso, biologo e nutrizionista, che, attraverso spiegazioni chiare sulla qualità e sul valore del cibo, spostano l’attenzione sull’importanza di una dieta sana ed equilibrata, principale ingrediente di longevità. Erri De Luca ci regala un’altra perla di letteratura, dimostrando che il cibo può essere qualcosa di diverso e anche molto di più.

Erri De Luca, Spizzichi e bocconi, Feltrinelli Editore, Milano, 2022, pp. 192, euro 16,50

( 12 agosto 2022 )

Eventi

Annie Ernaux vince il Premio Nobel per la Letteratura

Scrittrice lontana da qualunque corrente tradizionale, fa della commistione fra letteratura e sociologia la sua l'originalità

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Pierre Lemaitre, sfogliare il Novecento

“Nel romanzo storico c’è qualcosa di didattico... La domanda da porre è se è più importante la Storia o il romanzo: io ho scelto di dare più importanza al romanzo"

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Cinema

Una lettura ai raggi X

Ci schiaffeggia tutti, Virzì, nel suo ultimo film, “Siccità”: immagina una Roma apocalittica, prosciugata da tre anni di mancanza di pioggia

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it