Domenica 18 aprile 2021, ore 7:16

Quotidiano di informazione socio‑economica

Charles Baudelaire

Il poeta maledetto

di LELLO GURRADO

Quando venne al mondo, a Parigi, il 9 aprile del 1821, esattamente duecento anni fa, ancora non si parlava di “poeti maledetti”, definizione che sarebbe stata coniata parecchi anni dopo da Paul Verlaine, tuttavia, anche se a titolo retroattivo, si può tranquillamente affermare che il primo dei “Poetes maudits” è stato proprio lui, Charles Baudelaire. Figlio di un ex sacerdote che morì quando lui aveva appena sei anni, in aperto contrasto con la madre, colpevole, secondo lui, di essersi presto risposata con un austero tenente colonnello, il giovane Baudelaire evidenziò presto il suo carattere folle e incontrollabile. Incostante negli studi, insofferente alla disciplina, ribelle, l’autore dei “Fiori del male” ebbe una vita dissoluta cadendo giovanissimo preda di alcol e droghe. Questo non gli impedì di scrivere poesie straordinarie, ma indubbiamente gli procurò anche guai seri se è vero che la prima edizione dei “Fiori del male”, il suo capolavoro, avvenuta nel 1857, venne sequestrata e Baudelaire fu rinviato a processo per oscenità. Se la cavò con una grossa multa e la cancellazione dal testo di sei poesie. Tutt’altro che addomesticato, il “poeta maledetto” continuò lungo il cammino che aveva scelto. Tre anni dopo uscì “I paradisi artificiali”, un testo in prosa sugli effetti della droga e nel 1861 una nuova edizione, arricchita, dei “Fiori del male” Baudelaire a quell’epoca aveva soltanto quarant'anni, ma il suo fisico cominciò a pagare il conto alla sregolatezza della sua esistenza. Il primo segnale fu un attacco cerebrale, dal quale riuscì a riprendersi senza riportare gravi conseguenze. Ma neppure questo riuscì a spaventarlo. Baudelaire riprese la vita di prima, continuò a scrivere, tradurre l’amatissimo Edgar Allan Poe, bere e drogarsi. Questo gli procurò, nel 1866 un ictus devastante con paresi alla parte destra del corpo e afasia. Solo e triste, il poeta maledetto non si riprese più e morì, nella sua Parigi, il 31 agosto del 1867 a soli quarantasei anni.

( 18 aprile 2021 )

Filosofia

Le vacanze di Cioran

La completa inettitudine dell’uomo Cioran alla vita normale, il suo sentirsi inadeguato ad ogni cosa, il suo essere preda della noia, il suo subitaneo essere stanco di tutto

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La solidarietà si esprime pure nei gesti quotidiani, come il rispetto delle regole, il sostegno ai tanti che vivono in solitudine questa necessaria reclusione

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Filosofia

L’infinito etico di Lévinas

Compie cinquant’anni Totalità e infinito del filosofo lituano-francese che ha ripensato l’etica del Novecento a partire dal fuori, dal volto dell’altro

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it