Sabato 12 giugno 2021, ore 20:25

Quotidiano di informazione socio‑economica

La ricerca di sé

di STEFANO CAZZATO

Il suicidio del poeta e filosofo Carlo Michelstaedter (con un colpo di rivoltella il 17 ottobre del 1910) è da collegare alla sua visione tendenzialmente mitteleuropea della vita o a un banale e tragico incidente riconducibile agli effetti nervosi della sifilide? E’ questo il tema di un lavoro, in parte di archivio e in parte testimoniale, che l’autrice ha realizzato, per un interesse personale più che per uno scopo accademico, e che ci restituisce un Michelstaedter vitalista e solare, persino vicino al cattolicesimo, da opporre a quello depresso e nichilista della tradizione.
Molti non condivideranno questa interpretazione e porteranno come prova quel manifesto di disagio storico, metafisico, esistenziale che è “La persuasione e la rettorica”, il capolavoro filosofico di Michelstaedter, in realtà la sua tesi di laurea terminata poco prima della morte.
Ma l’operazione del libro è interessante, per la metodologia indiziaria con cui è condotta l’indagine, e se uso il termine indagine è perché da un fondo oscuro di fisiologica dimenticanza, di oblio culturale, di riservatezza, forse di occultamento consapevole, vengono tirate fuori informazioni importanti di cui nemmeno lo studioso di Michelstaedter è probabilmente a conoscenza. Non so se riscriveranno la vicenda umana e filosofica di questo singolare personaggio che si intreccia con lo spleen di un’epoca, ma tant’è.
Dai testi ufficiali (l’Epistolario, soprattutto) a documenti di ogni tipo, ignoti o ignorati, lettere, appunti, schizzi, disegni, memorie orali, pareri medici, cartelle cliniche, ricordi degli eredi, cataloghi, oggetti familiari, luoghi degli affetti, privati e pubblici, strade, case e palazzi: tutto viene scandagliato con la lente d’ingrandimento per far emergere un altro autore, un’altra vita. Ma anche per costruire un racconto nel quale la ricerca di una verità oggettiva sul caso Michelstaedter, a 110 dalla morte, è rivelatrice di una ricerca di sé, del proprio modo di stare al mondo, di una propria sincera persuasione.
C. Pradella, 110. Carlo Michelstaedter e il tempo della verità, Ensemble, 2020, pp.251.

( 12 gennaio 2021 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La notte è l’incubatrice dell’evoluzione antropologica. Come tale, acquisisce preminenza sulle modalità dell’articolazione umana in parallelo allo sviluppo tecnico e al mutamento dei costumi

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Maria Teresa l'Imperatrice

Una donna straordinaria

Una figura che ha segnato profondamente il suo secolo e ha lasciato importanti tracce non solo a Vienna, dove visse, ma in tutti i Paesi europei che ha governato. Maria Theresia Walburga Christina Amalia, nata nel 1717, figlia dell’Imperatore Carlo VI, salì al trono degli Asburgo, prima e unica donna, nel 1740, a soli 23 anni, e vi rimase fino alla morte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Zia Mame

Zelig al femminile

Sarebbe interessante indagare il motivo per cui un romanzo come "Zia Mame" sia riuscito a scalare la classifica dei libri più venduti in Italia sino alla prima posizione a averla mantenuta per quasi una intera estate alcuni anni fa. In un Paese, dove, occorre ricordarlo, la gente legge pochissimo, i più non comprano ormai nemmeno il giornale figurarsi se gli viene in mente di ficcare il naso dentro una libreria

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it