Martedì 21 settembre 2021, ore 19:31

Quotidiano di informazione socio‑economica

Magazine

Via Po Cultura

Il suo nome, come la sua fama, sono indissolubilmente legati al concetto di postmodernità. Fu infatti Jean-François Lyotard a introdurre il termine nel dibattito pubblico a partire da un lavoro che gli fu commissionato negli anni Settanta del secolo scorso dal governo canadese, una sorta di indagine sociologica che doveva far luce sul tipo di società che si era venuta a determinare dopo la fine delle grandi ideologie. Ne risultò un libro fondamentale, “La condizione postmoderna”, che era una riflessione epistemologica sulle strutture della modernità (Stati, partiti, professioni, istituzioni, tradizioni storiche, sistemi di pensiero) e su come e perché queste strutture (che Lyotard chiama grandi narrazioni) si fossero via via deteriorate, spostando la questione del senso dell’esistenza dal centro alla periferia, dalla semplicità alla complessità, dall’idea di una ragione normativa all’agonismo dei discorsi. Da qui l’assunzione della categoria di postmoderno per indicare successivamente, e in un modo abbastanza generico quanto abusato, un orientamento caratterizzato dal relativismo e dal soggettivismo. Anzi, più che un orientamento, un’atmosfera, una temperie, un’aura confusa e indeterminabile della contemporaneità. In concreto, la postmodernità indica la condizione dell’uomo orfano di fondamenti millenari: Dio, la scienza, la metafisica, la razionalità universalistica

( 3 settembre 2021 )

Protagonisti del Novecento

L’amata Creta di Theodorakis

Con Theodorakis una grande pagina della storia della musica greca si chiude per sempre

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il 2 settembre 2021 è stata inaugurata al Museo delle Culture di Milano (MUDEC) la mostra “Disney. L’arte di raccontare storie senza tempo” 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Recensioni

Un obbrobrio da ricordare

Le leggi razziali complici dei crimini razzisti e dello stesso olocausto.  “Il regime fascista scrive Liliana Segre - fu violento, omicida, razzista e discriminatorio fin dalle origini”, “totalitario” dalle sue origini

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it