Giovedì 29 febbraio 2024, ore 12:36

Mostre

Zanardi conquista Bruxelles

di ENZO VERRENGIA

Il profilo di Zanardi, il cui naso aquilino è un fendente tra il XX e il XXI secolo, che non vide di persona eppure aveva dentro, fa da icona emblematica dell’opera di Andrea Pazienza sulla locandina della mostra a lui dedicata, aperta il sette febbraio nell’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles. Il titolo, Ci vuole Pazienza, non è solo il gioco di parole per un ritorno impossibile. Ne evoca la necessità, con un retaggio non solo della sua generazione bensì di tutte le varianti della giovinezza.

Fino al sette aprile, si possono ammirare tavole originali di Paz e reperti del genio che seguita a esprimersi ancora oggi, trentasette anni dopo la scomparsa. L’hardware è perduto, il software persiste, eterno.

L’iniziativa viene da un’i deata da Luca Ciarla, musicista e direttore artistico dell’Adrifest. L’allesti mento è dell’Associazione Culturale Adri|Art, in collaborazione con Marina Comandini, erede di Andrea Pazienza, lo SPLASH, l’Archi vio Bibliografico “Andrea Pazienza” del MAT, il Museo dell’Alto Tavoliere del Comune di San Severo e la Violipiano Visual. Ciarla vi apporta lo spettacolo Suoni da Paz: note, visioni e parole dedicate ad Andrea Pazienza, con esecuzioni al violino e al pianoforte, accompagnato da Peppe Voltarelli, voce e chitarra. Marina Comandini unisce alla supervisione anche il live painting. L’artista Keziat propone dei video.

Antonello Vigliaroli, curatore dello Splash, vi reca quindici pannelli di grande rilievo biografico. Elena Antonacci, direttrice del MAT dichiara: «La mostra costituisce una vetrina di grande prestigio e di apprezzamento di tutte le attività negli anni promosse dal Comune di San Severo, dopo l’istituzione nel 2015 del centro di documentazione SPLASH».

Pazienza era nato sì a San Benedetto del Tronto, ma consumò la propria epopea formativa a San Severo, la città del padre Enrico, impareggiabile acquerellista, e sul Gargano. Si inerpicava con il Dingo Cross lungo la salita di Ingarano, quindi sulle basole di Sannicandro e ridiscendeva sulla litoranea verso Torre Mileto, superando poi il ponte mobile di Capoiale, oggi di asfalto, e correndo sull’istmo di Foce Varano, tra il lago omonimo e il mare, fino a Rodi e a San Menaio. Di là, i tornanti per Calenella, Peschici e Vieste, sotto un tunnel di pini. L’insegna fucsia della scomparsa discoteca Harmony sormentava le case bianche abbarbicate sul crinale di Peschici.

Con Pazienza morì un fumetto unico, che trasformava l’autobio grafia in poesia di immagini e linguaggio, nonché territorio di escursioni nell’avventura esistenziale. Perché quei personaggi non sono tanto caratteri quanto classici contemporanei, paragonabili a Oliver Twist, Tom Sawyer e soprattutto Holden Caulfield.

Pazienza ha sancito loro la continuità con ogni bohème successiva, di cui fu precursore. O semmai il contrario. Scrisse Jorge Luis Borges: «Il fatto si è che ogni scrittore crea i suoi precursori. La sua opera modifica la nostra concezione del passato, come modificherà il futuro. In questa correlazione non ha alcuna importanza l’identità o la pluralità degli uomini».

Sulla pelle di Pazienza si avverò la maledizione cinese: «Che tu possa vivere in tempi interessanti ». Lui era troppo giovane per il ‘68 e maggiorenne nel ‘77. Dai quadri ai fumetti, cercava i parametri di uno spessore intimo, sparito nell’odierno circo digitale. Dall’art déco a Proust (accostamento fatto nell’82 nella lettera di da un suo coetaneo di Pazienza sulla rivista di Oreste Del Buono L’Eternauta) con certe confessioni personali che divengono elegia, dal tratto selvaggio del fumetto Trase al Raymond Radiguet di Le Diable au corps, dalle avanguardie storiche (Breton, Picasso, i dadaisti) a Joyce che reinventa sulla pagina l’ argot e i fondali delle origini (San Severo come Dublino, San Menaio come la spiaggia di Sandymount), dalla pop art e gli abitatori delle ore tardissime, biazzanott, masticatori di notte si dice a Bologna, disegnati con reminiscenze di Edward Hopper, agli universi disperati e metropolitani targati Raymond Chandler.

Non a caso, la mostra viene tenuta a Bruxelles, dove Pazienza, da postumo, aveva avuto più di trent’anni una mostra antologica presentata al Centre Belge de la Bande Dessinée. D’altronde è la capitale europea anche del fumetto, patria della ligne claire, la linea chiara di Tintin, Michel Vaillant, Ric Roland e la truppa dei protagonisti delle storiche riviste per ragazzi Titin e Spirou. Accanto a questi si vedranno Pentothal, Enrico Fiabeschi e Pompeo.

( 12 febbraio 2024 )

Mostre

La cartografia e la famiglia De Agostini

 Le carte geografiche della De Agostini hanno segnato un’in tera epoca, a cui oggi, nel mondo dominato dalla digitalizzazione e dai satellitari, guardiamo con una certa nostalgia

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Eventi

Torna Milano MuseoCity

Dal primo marzo la manifestazione promossa dal Comune con l’obiettivo di valorizzare gli spazi espositivi della città e del territorio limitrofo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Il capolavoro scomparso

“Il collezionista” è la riprova del talento di Daniel Silva e la conferma che la letteratura di spionaggio costituisce l’unica forma letteraria di rilettura e interpretazione geopolitica di questa epoca

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it