Sabato 12 giugno 2021, ore 18:34

Quotidiano di informazione socio‑economica

Sindacato

Banche, con i tagli indiscriminati perdono tutti

di Carlo D'Onofrio

Banca fa rima con ricchezza. Ma non solo per gli azionisti, anche per la società e i territori nei quali il sistema del credito ha radici profonde. Per un sindacato che sposa questa visione, significa che i tagli indiscriminati all’occupazione fanno male a tutti, non solo a chi li subisce sulla sua pelle. E’ il messaggio che lancia il segretario generale di First Cisl dalla conferenza organizzativa che si è aperta ieri a Roma. Il problema è convincere chi siede dall’altra parte della barricata, i banchieri. Pressati dalla Bce e dagli investitori istituzionali, che guardano solo all’ultima trimestrale e pretendono rendimenti sul capitale a doppia cifra, nessuno sembra in grado di resistere alla tentazione di affidarsi al taglio dei costi per far quadrare i bilanci.

Eppure, annota Colombani, da tagliare non c’è più nulla, e del resto senza filiali e senza lavoratori anche i bilanci alla fine piangono: spetta ad un sindacato che si percepisce come “un soggetto politico di trasformazione sociale” ricordarlo sempre. Gridare dai tetti, però, non è una strategia. Meglio la forza dei buoni argomenti, quelli del manifesto AdessoBanca, in primo luogo. Se si scorre la piattaforma elaborata dai sindacati per il rinnovo del contratto nazionale, balza agli occhi - rivendica il leader dei bancari Cisl - che le proposte targate First hanno mostrato una forte capacità di contaminazione.

Lo si vedrà presto al tavolo con l’Abi, che non avendo presentato una sua piattaforma si è in pratica rassegnata ad incardinare la discussione su quella sindacale.

Essere soggetto di trasformazione sociale per Colombani vuol dire farsi forti dei valori della Cisl per sottrarsi al mainstream finanziario che ha l’ossessione del breve periodo. Reca il timbro Cisl, non a caso, la proposta di entrare attraverso il Foc, il Fondo per l’occupazione, nella governance di Carige per pilotarne il salvataggio. La chiave è la partecipazione. L’istituto ligure, se verrà confermata la soluzione di sistema imperniata sul Fitd, potrebbe fare da apripista ad un cambio di paradigma. A patto di trovare capitali “pazienti”, precisa Colombani, con cui guardare ad un orizzonte di lungo periodo. Orizzonte che, prima che economico, è sociale edantropologico: solo così si può pensare di superare una crisi di sistema “entropica”, scandisce Colombani citando Stefano Zamagni, il padre dell’economia civile.

Perché, bene non dimenticarlo, “il noi è più importante dell’io”.

( 26 giugno 2019 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La notte è l’incubatrice dell’evoluzione antropologica. Come tale, acquisisce preminenza sulle modalità dell’articolazione umana in parallelo allo sviluppo tecnico e al mutamento dei costumi

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Maria Teresa l'Imperatrice

Una donna straordinaria

Una figura che ha segnato profondamente il suo secolo e ha lasciato importanti tracce non solo a Vienna, dove visse, ma in tutti i Paesi europei che ha governato. Maria Theresia Walburga Christina Amalia, nata nel 1717, figlia dell’Imperatore Carlo VI, salì al trono degli Asburgo, prima e unica donna, nel 1740, a soli 23 anni, e vi rimase fino alla morte

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Zia Mame

Zelig al femminile

Sarebbe interessante indagare il motivo per cui un romanzo come "Zia Mame" sia riuscito a scalare la classifica dei libri più venduti in Italia sino alla prima posizione a averla mantenuta per quasi una intera estate alcuni anni fa. In un Paese, dove, occorre ricordarlo, la gente legge pochissimo, i più non comprano ormai nemmeno il giornale figurarsi se gli viene in mente di ficcare il naso dentro una libreria

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it