Domenica 20 settembre 2020, ore 3:36

Quotidiano di informazione socio‑economica

Recovery fund 

Ripartire dal lavoro 

I sindacati chiedono al governo di aprire un tavolo di discussione ”per definire come cambiare in meglio questo Paese guardando al futuro”. Lo ha detto la segretaria generale della Cisl Furlan, alla presentazione della giornata di mobilitazione nazionale ”Ripartire dal lavoro” organizzata per domani con Cgil e Uil. Sottolinea Furlan: ”Siamo delusi perché finora non è arrivata una convocazione da parte della presidenza del Consiglio”. Con le risorse assicurate dall’Unione Europea, spiega la numero uno di Via Po, ”non si deve sprecare nemmeno un euro: tutti i 209 miliardi devono essere ben spesi, perché il Paese torni a crescere e con esso anche il lavoro. Quei miliardi non devono diventare debito aggiuntivo fine a se stesso, perché non dobbiamo lasciare in eredità ai nostri giovani solo il debito pubblico ma un Paese produttivo”. La pandemia, aggiunge Furlan, ” ha insegnato tante cose. Non disperdiamo in breve tempo la memoria di quello che abbiamo vissuto e che stiamo vivendo, anche se arrivano drammaticamente segnali che abbiamo la memoria corta. Quando assistiamo a questo assurdo dibattito sul Mes vuol dire che abbiamo dimenticato le terapie intensive senza più posti liberi e i medici in pensione richiamati in ospedale per assistere i malati”.
Sulla stessa lunghezza d’onda il leader della Cgil Landini. ”Vogliamo dire al Paese le nostre idee per uscire dalla pandemia, per un nuovo modello di sviluppo e per ricostruire un'Italia fondata sulla giustizia sociale e non sul precariato. Per noi investire sulla sanità pubblica e sulla scuola significa usare lo Stato sociale come elemento di crescita e sviluppo del paese”. Aggiunge Landini: ”Ci sono poi le riforme che devono accompagnare i fondi europei, a partire da fisco e ammortizzatori sociali. E poi c’è il capitolo Mezzogiorno, punto da cui partire per rilanciare l'Italia e l'Europa”.
Il governo deve ascoltare le proposte dei sindacati per superare ”perché stiamo superando un periodo drammatico e ci attendono ancora momenti difficili”, ha detto da parte sua il segretario generale della Uil Bombardieri.
La mobilitazione dei sindacati è prevista in 23 piazze in tutta Italia. Furlan sarà a Milano, Landini a Napoli, Bombardieri a Roma.
Intanto il governo ha trasmesso alle Camere le linee guida del recovery Fund. Obiettivo principale: meno tasse sui ceti medi e sulle famiglie, puntare al raddoppio della crescita ad un livello in linea con la media Ue dell'1,6%, con più lavoro e più investimenti. Sei le missioni: equità, green, digitalizzazione, istruzione, salute, infrastrutture. L'ok ai progetti da finanziare saà in base all'impatto sul Pil e ai costi.

( 16 settembre 2020 )

FOTO GALLERY

© 2001 - 2020 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it