Domenica 20 gennaio 2019, ore 11:12

Quotidiano di informazione socio‑economica

Lavoro

Voucher, ripristinata la procedura per l'attivazione

E' stata ripristinata sul sito dell'Inps la procedura telematica per l'attivazione dei voucher acquistati entro venerdì 17 marzo (data di entrata in vigore del decreto legge che li ha abrogati prevedendo una fase transitoria del loro utilizzo fino al 31 dicembre 2017), dopo il blocco tecnico nella giornata di ieri. La procedura riguarda anche la riscossione e il rimborso dei buoni lavoro. Intanto il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, in una nota, afferma che l'utilizzo dei voucher fino a fine anno "dovrà essere effettuato nel rispetto delle disposizioni in materia di lavoro accessorio previste nelle norme oggetto di abrogazione da parte del decreto".

Ma è stato caos voucher. La cancellazione immediata ha provocato disagi. Ma a questo si è aggiunto il black out totale anche per chi, avendo prudentemente acquistato i ''buoni'' in precedenza, non è riuscito ad attivarli.

Impossibile farlo sul sito Inps. L'istituto ha spiegato le difficoltà con la necessità di adeguare il software: "E' stato infatti necessario procedere a modifiche tecniche in modo da inibire l'acquisto e il pagamento e lasciare in essere solo il processo di attivazione". Tutto il giorno i centralini delle associazioni sono stati subissati da mail di protesta di imprenditori. "Ho comprato i voucher e ora non li riesco ad attivare", dice una imprenditrice. "Ho un cameriere in permesso e pensavo di poterlo sostituirlo chiamando una persona con un voucher, non l'ho potuto fare. Pensavo ci fosse una fase transitoria fino al 31 dicembre", afferma un ristoratore incredulo degli effetti immediati del decreto.

La Fondazione studi dei Consulenti del lavoro ha rilevato come per i buoni lavoro acquistati sino al 17 marzo 2017 «ci si troverà di fronte alla necessità di gestire un rapporto di lavoro senza regola alcuna». L'abrogazione dei tre articoli sui voucher contenuti nel decreto legislativo sul lavoro accessorio emanato nel 2015 nell'ambito del Jobs Act ha cancellato con un colpo di spugna l'intera fattispecie. Attualmente esistono il lavoro subordinato e le collaborazioni coordinate e continuative. Dunque i voucher non solo non si possono attivare, ma non esistono più nemmeno le sanzioni per il loro utilizzo inappropriato. Ecco perché i consulenti del lavoro hanno chiesto al Parlamento di modificare il decreto. Il testo dovrebbe essere esaminato a partire da giovedì dalla commissione Lavoro della Camera. E non è un caso che ieri il sito dell'Inps sia andato in tilt: non era infatti possibile attivare nuovi voucher.

Anche se lavoro e conti pubblici sono due materie differenti, l'Italia sta offrendo una pessima immagine a livello organizzativo in entrambi gli ambiti. Da una parte, la cancellazione dei voucher per decreto rischia di mettere in imbarazzo coloro che vogliono utilizzare fino al 31 dicembre i buoni già acquistati: è infatti scomparsa tutta la normativa di riferimento. Stesso discorso per la manovra correttiva da 3,4 miliardi richiesta dall'Unione europea: il governo, per bocca del ministro dell'Economia Padoan, ha confermato che sarà aspettato l'ultimo minuto utile per vararla, cioè dopo la presentazione del Def. Non sembra la mossa migliore per rassicurare i mercati, ma non vi sono molte alternative dovendo comporsi un puzzle complicato a base di tasse.

( 22 marzo 2017 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it