Giovedì 22 febbraio 2024, ore 2:30

Scenari

Fauci is back. Covid, arma biologica sfuggita al controllo? Washington indaga

Nelle ultime settimane abbiamo assistito ad una sorta di netto e improvviso capovolgimento di posizioni a lungo assunte rispetto alle origini dell’epidemia globale di Covid. E così, quel che sembrava fosse impossibile per la la narrativa mainstream nel 2020, oggi sembra concreta possibilità. Il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti, che sovrintende alla ricerca sulle armi biologiche e nucleari, ha valutato che il Covid è stato prodotto dall’uomo e probabilmente è emerso da una fuga di laboratorio. Ora che il governo degli Stati Uniti ha quasi ammesso che il Covid potrebbe essere un’arma biologica, tutti coloro che hanno spinto il mito delle origini naturali, correggono il tiro. Negli ultimi giorni anche il Wall Street Journal, il New York Times e i principali media elettronici paiono trattare quell’antica eresia in modo più rispettoso, suggerendo che il peso di alcune prove potrebbe giustificarlo. “Scienziati pazzi. Da nessuna parte il dibattito sulle fughe di laboratorio è più personale che tra gli esperti che indagano sulle origini di Covid” scrive il New York Magazine. “Non molto tempo fa, le persone che hanno suggerito che i ricercatori avrebbero potuto scatenare accidentalmente il virus sono state liquidate come pazzi o falchi cinesi, il che ha limitato gran parte delle prime discussioni pubbliche sulla teoria delle fughe di laboratorio all’estrema destra. Ora la teoria sta ricevendo sempre più considerazione. In un certo senso, è abbastanza simile alla situazione del laptop di Hunter Biden”, sostiene Alina Chan, consulente scientifico del Broad Institute del Mit e di Harvard. Esempi ne abbiamo avuti anche in casa nostra: insabbiare ipotesi e notizie gridando sempre al complottismo non aiuta quello che la scienza deve essere: dubbio e non certezza. Cercando su Google articoli del Wall Street Journal sulla nuova valutazione del Dipartimento dell’Energia, si scopre che una simile notizia era già stata diffusa da Abc News nell’aprile 2020. Una pistola fumante suggestiva tanto quanto la notizia di questi giorni che l’immunologo Anthony Fauci avrebbe invece commissionato un documento scientifico nel febbraio 2020 atto a smentire che il Covid potesse essere fuoriuscito dal laboratorio di Wuhan. La questione del perché Fauci abbia compiuto tali sforzi per oscurare le origini della malattia è ora oggetto di indagine da parte di un comitato della Camera. Quando la ricerca sul guadagno di funzione fu messa fuori legge negli Stati Uniti, Fauci - nella veste di direttore dell’Istituto nazionale di allergologia e malattie infettive Usa - spostò infatti la ricerca sul coronavirus autorizzandola in Cina, in un laboratorio che ha ricevuto gran parte dei finanziamenti dal suo National Institutes of Health. Non dimentichiamoci poi dell’operazione Crimson Contagio, avviata nel gennaio 2019, molto prima delle presunte fughe di virus a Wuhan e/o alla base militare di Fort Detrick. L’esercitazione Crimson fu condotta tra gennaio ed agosto 2019 dal Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti d’America, e vi hanno partecipato numerose organizzazioni nazionali, statali e locali, private e pubbliche negli Stati Uniti, al fine di testare la capacità del governo federale e di dodici stati di rispondere a una ipotetica grave pandemia influenzale originatasi in Cina da un virus respiratorio diffusosi negli Stati Uniti, a partire da Chicago. Resta poi il fatto che è stato piuttosto sorprendente come il Covid sia svanito dall’oggi al domani quando la Russia ha iniziato la guerra un anno fa. Una coincidenza, certo. Ma diciamolo: se tutta questa faccenda non è un’operazione quasi militare, sicuramente sembra tale. E se l’indagine della sottocommissione sulla pandemia di Covid della Camera dei rappresentanti dovesse apportare nuovi elementi, più che di fuga da laboratorio dovremmo allora parlare di pianificazione per almeno 5 anni, con la fuga di laboratorio come storia di copertura. Quasi venti milioni di morti chiedono verità. Gestione del Covid fondamentalmente affare finanziario e guerra ibrida geopolitica? L’ inversione di rotta era già stata avviata dal prof. Jeffrey Sachs della Columbia University, accademico della massima rispettabilità mainstream che ha trascorso gli ultimi due anni come presidente della Commissione Covid di Lancet, quando aveva pubblicamente suggerito che il virus era molto probabilmente stato bioingegnerizzato ed uscito da un laboratorio di biotecnologia, magari statunitense: “ Non lo sappiamo per certo ma ci sono prove sufficienti”. Le recenti quanto controverse rivelazioni anche da parte di membri dell’intelligence ispirano un’enorme quantità di discussioni su Internet. Un veterano in pensione della biodifesa americana, che si è concentrato sulle particolari caratteristiche epidemiologiche del virus - estremamente contagioso ma con un tasso di mortalità inferiore all’1% - lo spinge a dedurre che “una malattia ad alta trasmissibilità e bassa letalità è perfetta per rovinare un’economia”. La guerra biologica sarebbe dunque efficace nel paralizzare l’economia di un avversario internazionale, ma facendolo in un modo che conservi la plausibile negazione che qualsiasi attacco sia mai avvenuto. La televisione israeliana raccontò poi che l’intelligence americana aveva effettivamente condiviso con i suoi alleati Nato e israeliani un simile rapporto sull’epidemia di Wuhan, sembrando così confermare in modo indipendente la completa accuratezza della storia originale di Abc News e delle sue numerose fonti governative. In pratica, elementi della Defense Intelligence Agency sarebbero stati a conoscenza del micidiale scoppio virale a Wuhan più di un mese prima di qualsiasi funzionario dello stesso governo cinese. Uno scenario di guerra biologica sarebbe quindi addirittura più probabile dell’ipotesi di fuga di laboratorio. Per tre anni la Cina è stata bloccata in un crescente conflitto commerciale e geopolitico con l’America e per tre anni consecutivi la Cina è stata colpita duramente da misteriosi virus, compreso quelli dell’influenza aviaria e suina che hanno danneggiato gravemente la sua industria. Certamente uno schema sospetto, per non parlare del fatto che l’aviaria sembrerebbe data per certa come prossima pandemia. Pechino dal canto suo rimanda al mittente le illazioni: le affermazioni sul laboratorio di Wuhan sono teorie del complotto create per distogliere l’attenzione dalla base militare di Fort Detrick nello stato americano del Maryland: elementi canaglia del Deep State avrebbero in pratica deciso di infliggere gravi danni all’enorme economia cinese usando la guerra biologica e avrebbero usato la copertura dei Giochi militari internazionali di Wuhan per rilasciare il virus, progettato principalmente come un’arma anti-economica, ma poi sfuggita di mano. Il governo americano avrebbe ampiamente ignorato il problema, reagendo solo dopo che la massiccia epidemia nel nord Italia aveva attirato l’attenzione dei media. Un errore gravissimo di calcolo, se davvero questa ipotesi fosse confermata. A causa del quale alla fine non solo l’America, ma tutto il mondo, hanno subito esattamente il destino che era stato originariamente destinato a Pechino.

Raffaella Vitulano

( 9 marzo 2023 )

Mostre

Un antropologo che fa il fotografo

Al MUDEC Milano una coloratissima monografica dedicata a Martin Parr

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Filosofia

Schopenhauer: l’età del disincanto

C’è una via d’uscita dal dolore in cui versa la condizione umana, di cui tutti soffrono indipendentemente dalle circostanze esterne e dalla posizione sociale?

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Una bussola orientativa

Per la collana Voci, Treccani libri presenta il saggio di Claudio Magris, analisi della narrativa come forma letteraria tra la fine del XIX e la metà del XX secolo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it