Mercoledì 1 febbraio 2023, ore 1:12

Scenari

L’ascesa della Nato e il declino dell’Ue allo status di ausiliario dell'Alleanza

Nel sondaggio autunnale Eu Key Challenges of Our Times, il 70% degli intervistati della classe operaia ritiene che la guerra in Ucraina abbia causato loro gravi conseguenze economiche; solo il 49% degli intervistati della classe superiore la pensa allo stesso modo. Il 52% della classe operaia considera le condizioni di lavoro eque come la cosa più importante per lo sviluppo sociale ed economico dell’Ue. Mentre solo il 30% della classe superiore avverte questo problema. Il 66% della classe operaia avverte che la qualità della propria vita sta peggiorando; ma solo il 38% della classe superiore la pensa allo stesso modo. Non c’è bisogno di cercare oltre la frammentazione tra l’élite del World Economic Forum appena concluso e i rigidissimi Young Global Leader del Wef, dalle cui fila anni fa uscirono anche Macron e la Merkel. Quest’anno, dalle montagne innevate svizzere sono giunte in collegamento anche le acrobazie di Henry Kissinger. Cambiando idea, l’ex Segretario di Stato americano ha dichiarato alla platea del Forum che, a suo parere, “l’adesione dell’Ucraina alla Nato costituirebbe un buon esito del conflitto”. E tuttavia, ha aggiunto che per evitare un’escalation del conflitto con il nucleare, “l’Occidente deve continuare a dialogare con la Russia”. Una misura di fiducia era essenziale tra Washington e Mosca anche durante i passaggi più pericolosi della Guerra Fredda. Questa fiducia tuttavia non esiste più, come hanno chiarito Putin e altri funzionari russi, mentre il ponte tedesco tra Occidente e Oriente è stato bruciato. La gravità di queste conclusioni e le loro implicazioni per il futuro sono immense, sia per l’Occidente che per i non occidentali. Un mondo pieno di ostilità sappiamo a cosa può condurre. Un mondo privo di fiducia non aiuterà. La Russia è stato uno dei principali argomenti di discussione al raduno di Davos di quest’anno, ma è il rapporto di questa guerra in corso con l’Europa che gela le speranze. La vera battaglia in corso è tra l’oligarchia finanziaria per conto della folla di Davos e un’economia mista pubblico-privata in luoghi come Russia, Cina, e altrove nel sud del mondo. La frammentazione delle società occidentali non era all’ordine del giorno, ma i sondaggi europei mostrano chiaramente una rottura. E una domanda frequente sugli stessi media americani da quando la guerra in Ucraina è iniziata lo scorso febbraio è: perché mai l’Europa dovrebbe assecondare i neocon Usa nelle loro politiche che stanno guidando l’Europa verso la deindustrializzazione e una crisi energetica di lunga durata mentre gli Stati Uniti raccolgono i frutti nelle esportazioni di Gnl? Su American Affairs, Wolfgang Streeck - sociologo ed economista tedesco e direttore emerito dell’Istituto Max Planck per lo studio delle società a Colonia - ricorda come la costruzione Ue soffrisse di quello che venne chiamato eufemisticamente un “deficit democratico” fin dalle origini. In effetti, tra gli addetti ai lavori a Bruxelles, si sente spesso la battuta che, con la sua attuale costituzione, l’Unione europea non sarebbe mai autorizzata ad aderire a se stessa: “L’invasione russa dell’Ucraina sembra aver risposto alla questione dell’ordine europeo ripristinando il modello, creduto ormai storia, della Guerra Fredda: un’Europa unita sotto la guida americana come testa di ponte transatlantica per gli Stati Uniti in un’alleanza contro un nemico comune, allora l’Unione Sovietica e ora la Russia, in una posizione di rinnovata egemonia sull’Europa occidentale. L’ascesa della Nato ha implicato il declino dell’Ue allo status di ausiliario civile dell’Alleanza, sottomesso agli obiettivi strategici americani, soprattutto ma non esclusivamente in Europa”. Una teoria condivisa da Lucio Caracciolo, quando sostiene che “ormai Ue e Nato si sovrappongono quasi perfettamente. L’Europa è quindi parte di un progetto paraimperiale, se così si può dire, americano”. E’ probabile - aggiunge Streeck - che l’Ue svolga già un ruolo importante nella generazione di denaro pubblico per la ricostruzione dell’Ucraina una volta terminata la guerra. Lo stesso vale per la fornitura di sostegno finanziario ad altri paesi della periferia europea che saranno candidati all'Unione Europea e, in ultima analisi, all’adesione alla Nato. Inoltre, nel sud “non c’è motivo di credere che la supremazia della Nato contribuirà a migliorare la performance economica italiana; al contrario, sanzioni e catene di approvvigionamento accorciate rischiano di imporre costi aggiuntivi alle economie mediterranee. Costi che sicuramente chiederanno un risarcimento, non dagli Stati Uniti ma dall’Ue”. Con l’aumentare dei costi della “coesione”, potrebbe essere imminente uno spostamento del potere politico e dei fondi di coesione a favore degli stati del fronte orientale dell’Ue. Altro che duopolio Francia - Germania. Saranno gli stati del fronte orientale a dominare l’agenda politica, sostenuti dagli Stati Uniti. L’Ue subordinata alla Nato - come confermato nel recente vertice - si ritroverà a dipendere dalle bizzarrie della politica interna degli Stati Uniti. L’autore specifica come qualunque cosa gli Stati Uniti facciano o non facciano all’estero hanno poche o nessuna conseguenza per i suoi cittadini in patria. Diverso è per gli europei: “Ciò rende ancora più sorprendente che i paesi europei abbiano, apparentemente senza alcun dibattito, lasciato così completamente la gestione dell’Ucraina agli Stati Uniti, affidando la gestione dei loro interessi vitali ad un agente con precedenti pubblici di incompetenza e irresponsabilità”. Uno scontro duraturo tra eserciti russi e ucraini unirà l’Europa sotto la Nato e obbligherà i paesi europei a mantenere alti livelli di spesa militare, rafforzando al contempo la posizione degli Stati Uniti come fornitore di energia e materie prime di vario genere per l’Europa, mentre ciò che l’Europa potrà fornire agli Stati Uniti supererà ciò che la Russia può fornire alla Cina. Europa vaso di coccio, insomma. C’è solo da sperare che si avveri l’altra profezia di Streeck, annunciata in un articolo per la New Left Review: poiché il capitalismo contemporaneo è afflitto da cinque disordini - crescita in declino, oligarchia, inedia della sfera pubblica, corruzione e anarchia internazionale - per i quali al momento non esiste alcuna agenzia politica per affrontarli, esso continuerà a regredire e atrofizzarsi finché, a un certo punto, potrebbe arrivare alla propria fine. 

Raffaella Vitulano

( 24 gennaio 2023 )

Arte

Pericle, un Maestro a lungo dimenticato

Artista assolutamente non catalogabile secondo i canoni, le mode e le correnti artistiche del Novecento, non fu soltanto un pittore né fu unicamente un pensatore

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Le Acque Chete di Bonomi

Considerato uno tra i principali esponenti dell’arte Concettuale Ironica a livello internazionale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Bronzino ha immaginato e colto nel suo quadro Laura Battiferri come Petrarca vedeva la sua Laura

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2023 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it