Domenica 19 maggio 2024, ore 4:16

Francoforte 

Le banche europee resistono ad una possibile recessione 

Le banche europee sono pronte a sopportare una grave recessione, un'inflazione molto alta per tre anni, disoccupazione che schizza e un crollo dei prezzi dell'immobiliare. È incoraggiante, in particolare per le italiane, il risultato degli stress test condotto dalle due autorità bancarie europee, l'Eba e la Bce, su 98 istituti vigilati, grandi e medi. È utile ricodare che l'Eba è l'autorità indipendente europea che promuove la convergenza delle pratiche di vigilanza sul settore bancario e l'armonizzazione delle regole che lo disciplinano.

Nel complesso le banche possono affrontare senza grossi problemi lo scenario più avverso di sempre, ipotizzato dalle autorità dopo che il Covid e la guerra hanno reso più concreti rischi nemmeno immaginabili prima di allora. Soltanto tre banche, di cui non si rendono noti i nomi, hanno deluso e finirebbero sotto i livelli minimi di capitale se si verificassero gli scenari di crisi. L'esercizio ha ipotizzato tre anni di grave stress economico: un calo del Pil del 6%, un'inflazione molto al di sopra dello scenario di base (di 3 punti nel 2023, 1,9 nel 2024 e 1,5 nel 2025), un aumento della disoccupazione del 6,1%, un crollo dei prezzi dell'immobiliare (21% per quelli residenziali e 29% per quelli commerciali).

In questo caso il coefficiente Cet1, la misura chiave della solidità finanziaria di una banca, si ridurrebbe solo di 4,8 punti, calando al 10,4%. Un calo meno profondo dei precedenti stress test. Per Francoforte è la dimostrazione che "il miglioramento della qualità degli asset e della redditività hanno aiutato le banche a rimanere resilienti in un contesto fortemente avverso". Anche per l'Eba è il sintomo di "una posizione di capitale solida che permette alle banche di affrontare il deterioramento patrimoniale causato" dalle condizioni avverse. Gli stress test Eba-Bce hanno coinvolto 57 banche sistemiche, cioè quelle più grandi, e 41 di medie dimensioni. Insieme rappresentano circa l'80% delle attività totali del settore bancario nell'area dell'euro.

Soddisfatte le italiane che, nella media complessiva, riportano livelli di capitale maggiori di Francia e Germania nello scenario più severo. In particolare mostrano un calo dell'indice di capitale all'11,5% (11,6 nel campione Bce che è allargato a istituti di minore dimensione) per tutti gli anni 2023-2025. Le banche tedesche invece scenderebbero al 10,6% nel 2023 e al 9,59 nel 2025. Le francesi a 10,5 quest'anno per finire al 9,15% nel 2025. Mps parla di risultati "migliori di sempre, a conferma della forte solidità raggiunta dal gruppo". Per Intesa Sanpaolo i risultati confermano "la propria solidità anche in scenari complessi, grazie al modello di business ben diversificato e resiliente". Per Unicredit il punto di arrivo del suo capitale al 2025 è "il più alto delle banche comparabili, grazie alla sua robusta capitalizzazione". Iccrea, che conserverebbe un Cet1 ratio del 14% nello scenario avverso, afferma di essere "tra i migliori" gruppi bancari in Europa.

Rodolfo Ricci

( 1 agosto 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Copertina dedicata al saggio “Dio, la scienza, le prove. L’alba di una rivoluzione”, scritto da due studiosi, Michel-Yves Bolloré e Olivier Bonassies

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

La scomparsa di Alice Munro

Lo sguardo sulla provincia

Premio Nobel per la letteratura nel 2013 e subito dopo precipitata nell’avverarsi dell’incubo peggiore di chi scrive: la demenza senile

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Intervista

Le sfaccettature dello smart working

A colloquio con Francesco Maria Spanò, saggista ed esperto di tematiche di organizzazione e gestione delle risorse umane

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it