Domenica 3 dicembre 2023, ore 2:25

Francoforte 

Le banche europee resistono ad una possibile recessione 

Le banche europee sono pronte a sopportare una grave recessione, un'inflazione molto alta per tre anni, disoccupazione che schizza e un crollo dei prezzi dell'immobiliare. È incoraggiante, in particolare per le italiane, il risultato degli stress test condotto dalle due autorità bancarie europee, l'Eba e la Bce, su 98 istituti vigilati, grandi e medi. È utile ricodare che l'Eba è l'autorità indipendente europea che promuove la convergenza delle pratiche di vigilanza sul settore bancario e l'armonizzazione delle regole che lo disciplinano.

Nel complesso le banche possono affrontare senza grossi problemi lo scenario più avverso di sempre, ipotizzato dalle autorità dopo che il Covid e la guerra hanno reso più concreti rischi nemmeno immaginabili prima di allora. Soltanto tre banche, di cui non si rendono noti i nomi, hanno deluso e finirebbero sotto i livelli minimi di capitale se si verificassero gli scenari di crisi. L'esercizio ha ipotizzato tre anni di grave stress economico: un calo del Pil del 6%, un'inflazione molto al di sopra dello scenario di base (di 3 punti nel 2023, 1,9 nel 2024 e 1,5 nel 2025), un aumento della disoccupazione del 6,1%, un crollo dei prezzi dell'immobiliare (21% per quelli residenziali e 29% per quelli commerciali).

In questo caso il coefficiente Cet1, la misura chiave della solidità finanziaria di una banca, si ridurrebbe solo di 4,8 punti, calando al 10,4%. Un calo meno profondo dei precedenti stress test. Per Francoforte è la dimostrazione che "il miglioramento della qualità degli asset e della redditività hanno aiutato le banche a rimanere resilienti in un contesto fortemente avverso". Anche per l'Eba è il sintomo di "una posizione di capitale solida che permette alle banche di affrontare il deterioramento patrimoniale causato" dalle condizioni avverse. Gli stress test Eba-Bce hanno coinvolto 57 banche sistemiche, cioè quelle più grandi, e 41 di medie dimensioni. Insieme rappresentano circa l'80% delle attività totali del settore bancario nell'area dell'euro.

Soddisfatte le italiane che, nella media complessiva, riportano livelli di capitale maggiori di Francia e Germania nello scenario più severo. In particolare mostrano un calo dell'indice di capitale all'11,5% (11,6 nel campione Bce che è allargato a istituti di minore dimensione) per tutti gli anni 2023-2025. Le banche tedesche invece scenderebbero al 10,6% nel 2023 e al 9,59 nel 2025. Le francesi a 10,5 quest'anno per finire al 9,15% nel 2025. Mps parla di risultati "migliori di sempre, a conferma della forte solidità raggiunta dal gruppo". Per Intesa Sanpaolo i risultati confermano "la propria solidità anche in scenari complessi, grazie al modello di business ben diversificato e resiliente". Per Unicredit il punto di arrivo del suo capitale al 2025 è "il più alto delle banche comparabili, grazie alla sua robusta capitalizzazione". Iccrea, che conserverebbe un Cet1 ratio del 14% nello scenario avverso, afferma di essere "tra i migliori" gruppi bancari in Europa.

Rodolfo Ricci

( 1 agosto 2023 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

A dieci anni dalla scomparsa Milano omaggia Gabriele Basilico, grande protagonista della storia della fotografia italiana

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Un viaggio millenario indietro nel tempo

Il Museo Nazionale Romano ospita la mostra "Dacia. L’ultima frontiera della Romanità"

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Capolavori italiani nella Parigi della Belle Époque

Il Castello di Novara ospita le opere di quei pittori italiani che nella capitale francese avevano deciso di sperimentare la loro attività artistica tra il 1870 e il 1920

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2023 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it