Venerdì 1 luglio 2022, ore 22:29

Breaking News

Francoforte 

Ue: “falchi” all’attacco del debito italiano 

Ai primi segnali di rischio per la tenuta della zona euro l'Italia torna preda dei falchi del Nord Europa. La decisione annunciata dalla Bce di procedere con un nuovo strumento 'anti-frammentazione' riaccende le tensioni in Ue, con il divario tra rigoristi e colombe che si allarga come gli spread tra titoli di Stato. Da Kiev il premier Mario Draghi, forte dei suoi otto anni alla guida dell'Eurotower, ha puntualizzato che "una reazione in termini di tassi di interesse è inevitabile". Ma il primo a sferzare pubblicamente Roma poco prima del faccia a faccia con Christine Lagarde a
Lussemburgo è stato il ministro delle Finanze austriaco, Magnus Brunner, che non le ha mandate a dire. L'andamento degli spread, ha tuonato, preoccupa molto Vienna, e l'Italia - al pari della Grecia - deve "rimettere in ordine" i suoi conti pubblici. Anche perché, ha sottolineato, "le regole devono essere uguali per tutti". A dare man forte a Vienna, come nelle migliori tradizioni, è arrivata poi Berlino.

Con il 'falco' Christian Lindner che, pur predicando la calma sul differenziale tra Bund e Btp, ha sottolineato come non vada "mai messo in dubbio che ogni Paese Ue ha la responsabilità delle proprie finanze pubbliche e del proprio settore finanziario privato". Un messaggio riferito sì al progetto futuro dell'Unione bancaria, ancora in alto mare, ma che lascia poco spazio alle interpretazioni sul debito italiano, il secondo più alto dell'Eurozona dopo quello greco. Il rischio di frammentazione nell'area euro evidenziato dal rialzo degli spread rappresenta, per ammissione della stessa presidente della Bce, Christine Lagarde, "una minaccia seria" al mandato "della stabilità dei prezzi" di Francoforte. La francese ha cercato di placare a tu per tu i dubbi dei ministri più rigoristi in un colloquio di oltre due ore illustrando le motivazioni che hanno portato al meeting d'emergenza per annunciare misure contro lo spread. Una presentazione per dire a tutti che "dubitare" dell'impegno di Francoforte "sarebbe un grave errore". Così come lo sarebbe, ha ammonito il commissario europeo per l'Economia, Paolo Gentiloni, anche "credere che la politica monetaria da sola possa affrontare questa situazione" e salvare l'Europa dalle "acque turbolenti".

Quello che serve sono, invece, "politiche di bilancio concentrate su riforme e investimenti" e "prudenti, specie per i Paesi ad alto debito", ha osservato l'ex premier italiano. Per Berlino la via è già segnata: ognuno deve prendersi "le proprie responsabilità" e "occorre abbandonare il più velocemente possibile le politiche di bilancio espansive", ha evidenziato Lindner, ricordando che la Germania tornerà già nel 2023 alla regola del debito, anche con il Patto di Stabilità sospeso. Nel frattempo la tenuta dell'Eurozona passa anche, ha rimarcato Gentiloni, da "una forte dimostrazione di unità", una delle lezioni apprese durante il Covid.

E allora la discussione sul remake del Sure o del Next Generation Eu per fare fronte tutti insieme al caro energia è "legittima", anche se "non ancora matura". Ciò che conta, affinché l'emissione di nuovo debito comune abbia speranze di riuscita, è implementare "nel modo e nei tempi giusti" il Pnrr. Soprattutto per i Paesi con i debiti più alti. Un altro messaggio per Roma. Poi il fatto nuovo: dal 20 agosto la Grecia uscirà dal regime di sorveglianza rafforzata Ue a cui è sottoposta dal salvataggio del 2010 e passerà al regolare ciclo di vigilanza del semestre europeo. Lo hanno annunciato il presidente dell'Eurogruppo, Paschal Donohoe, e il commissario Ue per l'Economia, Paolo Gentiloni. "Sulla Grecia, ho presentato il nostro quattordicesimo rapporto sulla sorveglianza rafforzata e ho confermato ai ministri che la Commissione non intende continuare con il rapporto sulla sorveglianza rafforzata oltre agosto", ha spiegato Gentiloni. I ministri della zona euro hanno accolto con favore la proposta.

"Questo è un passo chiave nella normalizzazione della sorveglianza economica della Grecia e una testimonianza dei progressi del paese in questo periodo", ha evidenziato Gentiloni, osservando che Atene "ha rispettato con successo la maggior parte degli impegni politici concordati nel 2018 ed è fermamente impegnata ad affrontare i punti rimanenti entro la fine di quest'anno". "L'efficace attuazione delle riforme ha migliorato la resilienza dell'economia greca e rafforzato la sua stabilità finanziaria. Ciò ha ridotto significativamente i rischi di effetti di spillover avversi", ha aggiunto il commissario, congratulandosi poi con il popolo greco e con le autorità greche. "Il fatto che stiamo andando verso una conclusione positiva della crisi" vissuta dalla Grecia, ha detto poco dopo Gentiloni rispondendo a una domanda, "non significa che non siano stati fatti errori" nella gestione della crisi.

Rodolfo Ricci

( 17 giugno 2022 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Mescolando la ragione e il sentimento La Capria nella sua opera ha narrato una cosmogonia della vita quotidiana, fondata sull’uso del senso comune, e dominata dalla costante presenza del mare

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

L'epica di Raffaele Nigro

 Il cuoco dell’Imperatore edito da La Nave di Teseo, cade a 35 anni dal premio Campiello che lo scrittore di Melfi si aggiudicò nel 1987

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Addio a Raffaele La Capria

Lo stupore della bellezza

"La bellezza ha in sé un valore morale oltre che estetico, che è un bene per lo stupore e la meraviglia che suscita in noi"

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it