Martedì 25 giugno 2019, ore 14:46

Quotidiano di informazione socio‑economica

Ambiente

Earth day 2016: più di un miliardo di persone festeggia la Terra

Sarà il fiato di oltre un miliardo di persone a spegnere le 46 candeline della Giornata della Terra. Si festeggia oggi come ogni 22 aprile la più grande manifestazione ambientalista a carattere mondiale mai organizzata e arrivata ora alla 46esima edizione: l’Earth day 2016. “La giornata della Terra è il più grande e più riconoscibile movimento ambientalista”, spiega Kathleen Rogers, presidente di Earth Day Network (EDN). “Milioni di persone in decine di paesi diversi si impegneranno sull’ambiente. Centinaia di migliaia saranno i bambini – il futuro del nostro pianeta. Essi si uniranno all’oltre miliardo di persone che già utilizzano l’Earth day per dedicarsi alla stabilizzazione e riduzione delle emissioni globali, combattendo in prima linea contro i cambiamenti globali”.

Nella giornata in cui più di 165 Paesi firmano all'Onu lo storico accordo di Parigi volto a ridurre le emissioni di gas serra per combattere i cambiamenti climatici e a pochi giorni dal tragico anniversario del disastro di Cernobyl, avvenuto il 26 aprile di trent'anni fa, il dibattito su un nuovo sviluppo industriale che sia anche sostenibile é quanto mai vivo e pregnante. Per questo il Coordinamento Industria Nazionale Cisl ha voluto approfondire il rapporto tra green economy, nuove tecnologie e sviluppo economico industriale organizzando il seminario "Ambiente e industria: insieme si può" per discutere di come la sostenibilità ambientale possa rappresentare uno dei principali fattori per far ripartire l'economia del nostro Paese.

"La riqualificazione ambientale del nostro sistema produttivo rappresenta una condizione indispensabile per far uscire il Paese da una crisi industriale che ha bisogno di investire in nuove tecnologie e sostenibilità" ha spiegato Giuseppe Farina, segretario Confederale Cisl. "Dobbiamo avere la consapevolezza di non poter più difendere l'indifendibile ma nemmeno lasciar fagocitare questo tema così importante da un ambientalismo estremo. Lo sviluppo della green economy e la digitalizzazione della economia sono trasformazioni già in atto ma restano due elementi che segneranno il cambiamento del modo di lavorare e di vivere non per un singolo settore ma per tutto il mondo del lavoro".

"Si celebra oggi la Giornata della Terra 2016: un'occasione importante per riflettere sullo stretto rapporto che lega la persona al Creato. Riflessione che deve portare ad azioni concrete a difesa della fertilità, della stabilità del suolo, della qualità agroalimentare. E soprattutto deve condurre a iniziative a tutela della dignità del lavoro agricolo, che è una base essenziale sulla quale si regge la dimensione di uno sviluppo equo e sostenibile", ha sottolineato Luigi Sbarra, Segretario Generale della Fai Cisl. "Elevare la qualità del lavoro rurale - aggiunge il leader della Federazione agro-industriale-ambientale della Cisl - è tanto più urgente nella nostra economia. Agricoltura e industria alimentare funzionano se la terra continua a dare frutti, e se tali produzioni si attesteranno su standard sempre più alti. L'internazionalizzazione dei mercati e il peso crescente delle importazioni cinesi costituiscono un rischio formidabile sia in termini di sicurezza alimentare che di possibile dumping sociale. Tante le filiere italiane colpite da sofisticazioni e contraffazioni estere, che rendono i prodotti qualitativamente scadenti quando non tossici, come denunciato anche da Coldiretti. Contrastare questa deriva significa seguire la strada della esaltazione del capitale sociale, del rispetto e della valorizzazione del lavoro, della implementazione di modelli produttivi sempre più partecipativi. E' la via indicata in queste ore dal messaggio per il Primo Maggio della Cei e il grande tema contemporaneo su cui Papa Francesco ha volto richiamare l'attenzione di tutto il mondo. Sta a noi ora raccogliere questo impegno. Come Fai-Cisl sfidiamo le istituzioni e le altre parti sociali su un patto per il rilancio del lavoro agricolo, industriale e ambientale; per il sostegno ad uno sviluppo sostenibile incentrato sull'abbattimento del divario e della disuguaglianza; per la definizione di nuovi e concreti strumenti di democrazia economica", conclude il sindacalista.

In occasione dell’Earth Day, anche il segretario generale della Fim Cisl Marco Bentivogli ha lanciato l’iniziativa organizzata insieme a NeXt – Nuova Economia X Tutti e NCO – Nuova Cooperazione Organizzata, con il sostegno di Fondazione con il Sud: “Con l’Italia migliore. Festa del Lavoro”. ”Nel nostro Paese spesso ambiente e industria hanno litigato a spese di lavoratori e cittadini. Il futuro dell’industria moderna e la salvaguardia della Terra passano anche attraverso le scelte che noi facciamo, la sostenibilità ambientale e sociale delle imprese e il consumo responsabile. La chiave di volta, come ci ricorda Papa Francesco, è ridare un significato all’economia e alle sue finalità e correggerne distorsioni. Bisogna essere capaci, tutti insieme, assumendosi ognuno le proprie responsabilità, di ridefinire il progresso senza scorciatoie o vie di mezzo: lo sviluppo tecnologico ed economico devono necessariamente conciliarsi con l’umanità del lavoro e la natura”. ”Per questo - ha aggiunto - il 29 di aprile alle ore 17.30 ad Aversa, nella terra di Don Peppe Diana, presso la sede della cooperativa Fuori di Zucca, festeggeremo il lavoro sostenibile con un cash mob etico che si basa sui principi del “Voto col Portafoglio”, come lo ha definito l’economista Becchetti. Premieremo 11 aziende campane agroalimentari, che coltivano prodotti nelle terre confiscate alla camorra, e una azienda metalmeccanica che valorizza l’etica e la partecipazione dei lavoratori”.

( 22 aprile 2016 )

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Google Plus Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Commenta

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2019 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it