Giovedì 29 febbraio 2024, ore 13:44

Energia

Enel: si apre la vertenza contro le esternalizzazioni

L'impossibilità di invertire una linea aziendale dannosa e pericolosa porterà a breve ad azioni di lotta sindacale”. Si legge così nell’ultimo comunicato stampa dei sindacati di categoria Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil dopo la riunione sulla situazione dei rapporti sindacali nel Gruppo Enel. Il confronto sul piano industriale aziendale infatti non ha visto risposte adeguate alle richieste sindacali. Da qui i timori e le preoccupazioni delle segreterie nazionali di Filctem, Flaei e Uiltec per una situazione che rischia di aggravarsi di giorno in giorno. “Dopo la rottura delle relazioni con e-distribuzione - spiegano i sindacati - emerge con chiarezza in ogni ambito aziendale che Enel è sorda alle richieste delle organizzazioni sindacali, e non intende invertire la propria linea basata su ulteriori efficientamenti gestionali con tagli indiscriminati al costo del personale, sulla volontà di ridurre le flessibilità (a partire dal ridimensionamento dello smart working), sul rifiuto di integrare gli organici operativi, tecnici e impiegatizi in misura adeguata a far fronte al business, ma prima di tutto alle concessioni di cui è titolare”. 

Per i sindacati di categoria Filctem, Flaei e Uiltec è indispensabile che il tema cruciale degli organici sia affrontato attraverso un confronto serio sulle attività da svolgere internamente in via esclusiva o distintiva e ritengono che tutto questo sia dannoso per l’Azienda e per le sue prospettive. “Pericoloso perché rischia di ridurre ulteriormente le capacità industriali e produttive di Enel - ribadiscono i sindacati - inaccettabile perché mette in serio dubbio la possibilità di mantenere le attuali concessioni (nella distribuzione e nella produzione idroelettrica e geotermica)”. Per tutto questo Filctem, Flaei e Uiltec hanno deciso di formalizzare l’apertura dello stato di mobilitazione di tutti i lavoratori e le lavoratrici del Gruppo Enel in Italia scrivendo al ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e al ministero delle Imprese e del Made in Italy e richiedendo l’apertura della procedura di raffreddamento secondo la normativa vigente sullo sciopero. Nel contempo i sindacati hanno assicurato che saranno messe in campo tutta una serie di iniziative mirate a informare e sensibilizzare l’opinione pubblica, denunciare gli atteggiamenti di Enel, coinvolgere le forze politiche e le istituzioni, proseguire con le iniziative sui social media già avviate con grande successo la scorsa settimana.

“L’importante adesione da parte del personale del Gruppo Enel - sottolineano i sindacati - all’iniziativa di lancio degli hashtag #EnelSmobilita #ilSindacatoMobilita, ha consentito un’ampia visibilità sui vari canali social, portando la solidarietà alla vertenza anche da parte della Federazione europea dei Sindacati dei servizi pubblici (EPSU) e della Federazione internazionale dell’energia e della manifattura (IndustriALL Global Union)”. I sindacati hanno anche deciso di sospenderemo formalmente le relazioni industriali e gli incontri con Enel e con tutte le aziende del Gruppo. Nei prossimi giorni verranno effettuate assemblee in tutte le sedi e luoghi di lavoro “per condividere - concludono i sindacati - con ogni lavoratore e lavoratrice la necessità di sostenere questa mobilitazione”.

Sara Martano

( 7 febbraio 2024 )

Mostre

La cartografia e la famiglia De Agostini

 Le carte geografiche della De Agostini hanno segnato un’in tera epoca, a cui oggi, nel mondo dominato dalla digitalizzazione e dai satellitari, guardiamo con una certa nostalgia

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Eventi

Torna Milano MuseoCity

Dal primo marzo la manifestazione promossa dal Comune con l’obiettivo di valorizzare gli spazi espositivi della città e del territorio limitrofo

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

Il capolavoro scomparso

“Il collezionista” è la riprova del talento di Daniel Silva e la conferma che la letteratura di spionaggio costituisce l’unica forma letteraria di rilettura e interpretazione geopolitica di questa epoca

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2024 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it