Martedì 21 settembre 2021, ore 18:58

Quotidiano di informazione socio‑economica

Industria

Stellantis, tra Gigafactory e rilancio: resta un pò di amarezza

All’indomani della decisione di Stellantis di assegnare la gigafactory a Termoli, in Molise - scelta che ha lasciato Torino con l’amaro in bocca, soprattutto dopo la grande mobilitazione di sindacati, istituzioni e politica che si sono spesi fino alla fine per l’insediamento della nuova fabbrica di batterie sotto la Mole - la Fim Cisl ha presentato proprio nel capoluogo subalpino il suo report trimestrale sulle attività del gruppo in Italia.
“Torino - ha commentato subito dopo l’annuncio della Ad Carlos Tavares, il segretario generale della Fim Cisl Torino Canavese, Davide Provenzano - era ed è la candidata migliore per ospitare un tale investimento per via della sua storia industriale, per le competenze dei suoi dipendenti e per il sistema scolastico che gravita intorno alla città. Adesso servono risposte con missioni produttive nuove e chiare per tutti i siti torinesi a garanzia dei volumi e dell’occupazione. Il piano industriale va presentato nella sua interezza e non un pezzo alla volta. Noi come Fim Cisl territoriale continuiamo a chiedere un nuovo modello di vettura che possa garantire crescita e sviluppo per il Polo produttivo della città”.
Sul tema della gigafactory è intervenuto anche il segretario generale della Fim Cisl, Roberto Benaglia, ribadendo l’importanza della scelta italiana di Stellantis. “La Gigafactory in Italia - ha detto il numero uno dei metalmeccanici Cisl - è un passo importante nella direzione giusta. È un atto di responsabilità e di fiducia verso i lavoratori italiani di Stellantis che in tutti questi anni hanno contribuito, insieme al sindacato e in primis alla Fim-Cisl, a risanare e rilanciare Fiat Chrysler e collocarla nella fusione con Psa nel quarto grande gruppo automobilistico mondiale. Un importante segnale di investimento e di attenzione del Gruppo Stellantis nel nostro paese”.
Dal report Fim emerge che nel primo semestre 2021 Stellantis ha prodotto in Italia 407.846 vetture, in crescita del 59% rispetto al 2020, condizionato dal Covid, ma in calo del 20% sul 2019. In tutti gli stabilimenti si registra una ripresa della cassa integrazione tranne per i veicoli commerciali Sevel.
“Abbiamo chiesto un nuovo incontro al Ministero dello Sviluppo Economico con i vertici di Stellantis Europe - ha spiegato il segretario nazionale Fim, Ferdinando Uliano. La scelta di fare in Italia la Gigafactory è positiva, ma servono garanzie di prospettiva e occupazionali per tutti gli stabilimenti. In particolare preoccupa la situazione del polo torinese, dove le produzioni della Maserati registreranno quest’anno, nella migliore delle ipotesi, un calo del 60% rispetto al 2017, ma anche degli stabilimenti di motori di Cento e Pratola Serra, che occupano insieme circa 2.700 dipendenti. La strada per la riconversione delle fabbriche meccaniche coinvolge anche gli stabilimenti di Verrone e le meccaniche di Mirafiori”.
Rocco Zagaria

( 9 luglio 2021 )

Protagonisti del Novecento

L’amata Creta di Theodorakis

Con Theodorakis una grande pagina della storia della musica greca si chiude per sempre

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il 2 settembre 2021 è stata inaugurata al Museo delle Culture di Milano (MUDEC) la mostra “Disney. L’arte di raccontare storie senza tempo” 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Recensioni

Un obbrobrio da ricordare

Le leggi razziali complici dei crimini razzisti e dello stesso olocausto.  “Il regime fascista scrive Liliana Segre - fu violento, omicida, razzista e discriminatorio fin dalle origini”, “totalitario” dalle sue origini

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it