Sabato 28 maggio 2022, ore 19:56

Breaking News

Banche

Bnl a testa bassa: non cede su esternalizzazioni

Restano tesi i rapporti tra Bnl e sindacati. La banca guidata da Elena Goitini non intende arretrare rispetto ai suoi piani, che prevedono l’e sternalizzazione di oltre 800 lavoratori concentrati nelle attività di It e back office e la chiusura di 135 filiali. La trattativa sulla riorganizzazione aziendale si è chiusa con un nulla di fatto; difficile che il tentativo di conciliazione, avviato dai sindacati con una lettera indirizzata sia a Bnl che all’Abi, produca un risultato diverso. Lo sbocco più probabile della mobilitazione resta al momento lo sciopero.

Del resto i segnali che arrivano dai vertici della banca controllata dal 2006 dalla francese Bnp Paribas sono tutt’altro che rassicuranti. In un’inter vista concessa di recente al Corriere della Sera Goitini è parsa determinata a tirare dritto. Secondo l’ad, infatti, a Bnl servono “scelte industriali capaci di tenerci al passo con l’evoluzione tecnologica. Come banca dobbiamo focalizzarci sulle cose che sappiamo fare bene: gestire il risparmio, affiancare le imprese, le famiglie anche per rispondere ai nuovi bisogni. Laddove è necessaria la scala, come, ad esempio, nell’IT, vogliamo sviluppare partnership, per accelerare e, allo stesso tempo, valorizzare le persone. Stare al passo con il nostro capitale digitale e umano”.

Il timore dei sindacati è che Bnl faccia scuola e che altre banche seguano il suo esempio: “Non possiamo accettare che le banche perseguano una maggiore redditività utilizzando la leva dei tagli al personale e alle filiali - attacca il segretario generale di First Cisl Riccardo Colombani. La desertificazione bancaria colpisce le persone più fragili, soprattutto gli anziani, e i territori più svantaggiati. Il caso Bnl è emblematico: una banca che registra ottimi risultati di bilancio, migliori addirittura rispetto a quelli dei primi cinque gruppi italiani, si pone l’obiettivo di entrare tra le prime tre per redditività e per centrarlo è pronta ad espellere dal perimetro aziendale 836 lavoratori su circa 11mila e a chiudere 135 filiali su 705. Il suo disegno - aggiunge - è quello di abbandonare il territorio per concentrarsi sulla gestione dei grandi patrimoni, per trasformarsi cioè in una boutique finanziaria. Di fronte a questa realtà

la politica è chiamata ad intervenire per evitare che il profitto dell’azionista finisca per penalizzare il Paese”.

Secondo il numero uno dei bancari della Cisl la tendenza a privilegiare l’interesse degli azionisti caratterizza tutto il sistema bancario italiano: i piani d’impresa lo dimostrano chiaramente. “Quello appena presentato da Banco Bpm - osserva Colombani - punta per il 2024 ad una redditività del patrimonio netto tangibile superiore al 9%, un obiettivo che, in un’e poca di tassi negativi, rischia di non rientrare in una cornice di sostenibilità sociale”.

La prossima data da cerchiare in rosso sul calendario è proprio quella odierna: giornata in cui Unicredit presenterà il piano messo a punto dall’ad Andrea Orcel. Piano che, secondo quanto riportato da Bloomberg nei giorni scorsi, dovrebbe prevedere circa 3mila nuove uscite, oltre alle 3.900 collegate al vecchio piano e ancora da realizzare. “Sappiamo che il digitale avrà un ruolo importante nella strategia del gruppo, ma all’ad Andrea Orcel - avverte Colombani - diciamo che l’implementazio ne dei modelli di servizio incentrati sulle nuove tecnologie deve essere graduale. Al tempo stesso va garantita la crescita professionale dei lavoratori e delle loro competenze in un disegno organico di gestione condivisa prevista dal contratto nazionale attraverso la Cabina di regia”.

Carlo D’Onofrio

( 9 dicembre 2021 )

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

La crisi delle edicole è la stessa della carta stampata e prosegue man mano che avanza la smaterializzazione indotta dall’innovazione digitale

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Mostre

Un percorso emozionale nell’arte del Novecento

 Attraverso il nuovo allestimento dal titolo “Vedo rosso”, promosso dalla Collezione Giancarlo e Donna Olgiati nella sua sede di Lugano

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Libri

La filosofia per i bambini

Si approccia la filosofia facendo capire al bambino che i temi filosofici sono per la maggior parte legati all’esistenza stessa, alla quotidianità

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

Immagine Foto Gallery

© 2001 - 2022 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it