Martedì 21 settembre 2021, ore 18:37

Quotidiano di informazione socio‑economica

Lavoro

Boost di Bergamo: nessuna chiarezza sul futuro, venerdì sciopero

Sciopero di 8 ore venerdì alla Boost di S. Paolo d'Argon (Bergamo). La direzione dell'azienda ha comunicato a tutti gli 800 dipendenti di non essere in grado di prevedere le tempistiche di pagamento degli stipendi di giugno. Stesso scenario di maggio, con mensilità pagata con oltre 30 giorni di ritardo.

Il gruppo Boost, azienda manifatturiera leader internazionale nella produzione di agende, diari e notebook, conta un migliaio di lavoratori sparsi tra la provincia di Bergamo (dove l'azienda ha anche una sede a Cenate Sotto) e Tolentino, in provincia di Macerata. Il gruppo, nato dalla fusione nel 2019 tra Lediberg e Arti Grafiche Johnson, conta un migliaio di dipendenti nelle sedi di S Paolo d’Argon, Cenate Sotto e Tolentino, in provincia di Macerata.

”L’azienda si trova oggi in una situazione molto critica sul versante delle disponibilità finanziarie che necessita di un intervento degli istituti bancari - dicono Luca

Legramanti e Paolo Turani, segretari generali di Fistel Cisl e Slc Cgil di Bergamo. Dal punto di vista del fatturato, in termini di ordini acquisiti, la situazione del 2021 è in netto miglioramento rispetto all’anno precedente: tale risultato rischia però di andare perso per le difficoltà finanziarie attuali. Abbiamo chiesto all’azienda prospettive chiare a livello industriale, ma a oggi non abbiamo alcuna percezione che ci siano piani realizzabili”.

Ce.Au.

( 22 luglio 2021 )

Protagonisti del Novecento

L’amata Creta di Theodorakis

Con Theodorakis una grande pagina della storia della musica greca si chiude per sempre

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Magazine

Via Po Cultura

SOLO PER GLI ABBONATI

Il 2 settembre 2021 è stata inaugurata al Museo delle Culture di Milano (MUDEC) la mostra “Disney. L’arte di raccontare storie senza tempo” 

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

Recensioni

Un obbrobrio da ricordare

Le leggi razziali complici dei crimini razzisti e dello stesso olocausto.  “Il regime fascista scrive Liliana Segre - fu violento, omicida, razzista e discriminatorio fin dalle origini”, “totalitario” dalle sue origini

  • Email Icon
  • Facebook Icon
  • Twitter Icon
  • Pinterest Icon
Commenta Icona

FOTO GALLERY

© 2001 - 2021 Conquiste del Lavoro - Tutti i diritti riservati - Via Po, 22 - 00198 Roma - C.F. 05558260583 - P.IVA 01413871003

E-mail: conquiste@cqdl.it - E-mail PEC: conquistedellavorosrl@postecert.it